Iscriviti

Asus ZenBook Flip S: il convertibile più sottile al mondo al Computex 2017

Nella giornata d'anteprime del Computex 2017 di Taipei, la taiwanese Asus ha presentato l'Asus ZenBook Flip S, il convertibile 2-in-1 più sottile al mondo, con 1.1 kg di peso, display 4k, ed audio Harmon Kardon. Senza dimenticare le oltre 11 ore di autonomia.

Hi-Tech
Pubblicato il 29 maggio 2017, alle ore 13:09

Mi piace
15
0
Asus ZenBook Flip S: il convertibile più sottile al mondo al Computex 2017
Pubblicità

Dal 30 Maggio al 3 Giugno a Taipei, capitale dell’isola di Taiwan, si terrà l’importante fiera dell’informatica nota come Computex 2017: oggi, 29 Maggio, è giornata d’anteprime e l’azienda di casa, la Asus, ha recitato la parte del leone con diversi device, tra cui l’Asus ZenBook Flip S, il convertibile 2-in-1 più sottile al mondo.

L’Asus ZenBook Flip S ha un telaio in metallo molto leggero, con un peso di 1.1 kg, annunciato dalla Asus come il più sottile al mondo della categoria: il suo spessore, di appena 10.9 mm, si mette alle spalle i 17 mm del MacBook Air, i 13,8 mm dell’HP Spectre X360 (device del 2015), ed i 13.1 mm del pur sottile MacBook. 

All’interno, troviamo un processore Intel i7-7500U appartenente alla 7° generazione (Kaby Lake), e capace di raggiungere i 3.5 GHz in modalità TurboBoost: la RAM (LPDDR3-2133) può arrivare sino ad un massimo di 16 GB, mentre lo storage sul quale ospitare dati ed il sistema operativo Windows 10 (risveglio del PC in 3 secondi, grazie al sistema ” Instant Resume”) può prevedere fino a 1 TB di spazio, di tipo SSD (PCIe 3.0). Manca una scheda grafica dedicata, ma non la potenza: a tal proposito, Asus ha optato per un sistema di dispersione attivo del calore, realizzato con ventole miniaturizzate da 0.3 mm, anche molto silenziose, in virtù dell’impiego di polimeri di cristalli liquidi. 

Il display è un LCD touch da 13.3 pollici, con risoluzione 4K UHD, è dotato della tecnologia NanoEdge, in modo da riconoscere 1024 livelli di pressione della stilo attiva, in dotazione col device. La cover ospita una tastiera spaziosa, con un touchpad che, grazie alla tipologia di lavorazione “diamond cut”, permette di ammirare la natura viva – in alluminio – della scocca. Il sensore di impronte non è posto nel touchpad, come in altre soluzioni, ma ubicato ai lati del monitor: a causa del rapporto body-to-screen di quest’ultimo, pari all’80% del frontale, le cornici sono molto sottili e, di conseguenza, il sensore biometrico è uno dei più piccoli al mondo (16 x 3.6 mm) ma, comunque, compatibile con l’autenticazione Hello di Win10. 

La cerniera che giunge il corpo del tablet, alla cover keyboard, regge 20 mila operazioni di chiusura/apertura, e – realizzata in alluminio con uno spessore di 3,9 mm, permette al display di ruotare fino a 360°, facendo assumere al convertibile qui presente le posizioni “stand”, “notebook”, “tenda”, e “tablet”. A 135°,  il meccanismo noto come ErgoLift permette di sollevare e inclinare un po’ la tastiera, offrendo la posizione giusta per le intense attività di editing testuale. In tema multimediale, Asus ha comunicato anche la presenza di speaker Harman Kardon che, grazie allo Smart Amp, esaltano i bassi. 

La batteria dell’Asus ZenBook Flip S è da 39 Whr, ed assicura un’autonomia di circa 11 ore e mezza e, grazie alla ricarica rapida, tramite le porte USB Type-C laterali (2), permette di ricaricare il 60% dell’autonomia completa in 49 minuti. 

In tema di commercializzazione e prezzo, l’Asus ZenBook Flip S sarà disponibile a cominciare dal Settembre 2017, in tempo per il back to school, ad un prezzo che partirà dai 1099 dollari per la configurazione di base le cui specifiche non sono, ad oggi, ancora note. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Fabrizio Ferrara - Sono curioso di sapere quale sarà la configurazione base di questo device: nel frattempo, è già possibile lodarne l'ottima progettazione che ha coniugato sottigliezza e leggerezza con uno chassis in metallo. Il display è notevole, supporta anche la scrittura, e l'audio è ottimo, considerando la certificazione Harmon Kardon. L'autonomia dichiarata è di 11 ore e mezza: quanto basta per un'intera giornata di lavoro in mobilità, senza prese di corrente a portata di mano.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!