Iscriviti

"The Bonfire: Forsaken Lands": la strategia che vede sorgere una civiltà da un falò

"The Bonfire: Forsaken Lands" è un titolo pensato per PC, iPhone e iPad, che vede la crescita di una società partendo da un falò: da qui si comincia a raccogliere risorse e, piano piano, vedere crescere la propria popolazione.

Games
Pubblicato il 29 marzo 2018, alle ore 16:33

Mi piace
11
0
"The Bonfire: Forsaken Lands": la strategia che vede sorgere una civiltà da un falò

The Bonfire: Forsaken Lands” è un titolo strategico pensato per PC, iPhone e iPad che si presenta sotto una formula di sviluppo di una società da un lato molto classico e dall’altro molto originale. Il gioco può essere acquistato su Steam per i computer e nell’App Store per i dispositivi Apple.

Il gioco comincia in maniera singolare rispetto ad altri titoli del genere: invece di un classico quartier generale, c’è un falò acceso sulla spiaggia di fronte al quale si trova un uomo, in piedi. In un breve tempo, al falò si avvicineranno altri esseri umani, attirati dalla presenza di quel fuoco, e da lì ci sarà un numero di persone sufficiente per costruire un primo insediamento.

Non ci sono dinamiche sociali specifiche da controllare, basta assegnare ad ogni abitante che costruisce una casa un ruolo, dal viandante alla guardia, assumendo delle funzioni che comporteranno la crescita di valori statistici importanti nel corso del gioco, durante il quale è centrale raccogliere risorse di ogni tipo.

In tutto questo, il falò rimane centrale sia nella storia che nell’insediamento e continuerà ad attirare persone che provengono dai dintorni, diventando di volta in volta delle figure che ricopriranno i più molteplici ruoli e che, mano a mano, permetteranno alla popolazione del villaggio di moltiplicarsi, diventando una città in espansione continua.

Come nei canoni dei giochi strategici, non potevano mancare gli avversari: al calar della notte e delle tenebre, il personaggio di partenza rimarrà sveglio e dovrà gestire gli assalti degli avversari, con tutte le forze difensive che ha messo a disposizione del suo insediamento durante le giornate trascorse.

Il gioco ha una grafica semplice e particolare: è un gioco in due dimensioni, non osservato dall’alto, ma in verticale, e si dovrà scorrere il proprio villaggio in orizzontale, a destra ed a sinistra, con un sistema di controllo che si rivela comodo per i dispositivi mobili. I tratti a pochi colori e netti nel contrasto fanno ben risaltare gli edifici e gli abitanti dell’insediamento.

Nel corso del gioco si possono sviluppare altre strategie, come l’attacco con i propri soldati agli avversari sparsi fuori dal villaggio, anche se bisognerà adottare ogni genere di difesa preventiva all’insediamento e di sviluppo del manipolo offensivo, sufficientemente adeguato per affrontare la sfida esterna. Questo contribuisce a rendere il gioco vario e più ricco di quanto si immagini nelle sue diverse dinamiche. Controllare tutti gli aspetti di “The Bonfire: Forsaken Lands”, oltretutto, è semplice ed intuitivo, ma non bisogna dimenticare di gestire ogni aspetto dell’insediamento per farlo fiorire nel corso del tempo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Con i tanti titoli strategici pensati in questi primi tre mesi del 2018, "The Bonfire: Forsaken Lands" non ha faticato a farsi notare come produzione indipendente. È un gioco strategico semplice ed intuitivo, pulito nella semplice grafica e ricco di ruoli da far svolgere ai propri abitanti dell'insediamento, l'aspetto principale per disporre di risorse e per accrescere le statistiche di ricchezza e di resistenza del villaggio, il quale nelle notti vedrà l'assalto dei nemici, altro punto su cui il giocatore si deve concentrare per mantenere intatta la crescita della popolazione e dell'economia. La grafica a due dimensioni a scorrimento orizzontale è curiosa e comoda per giocare con il proprio dispositivo Apple, ma anche nella versione per PC. "The Bonfire: Forsaken Lands" è un ottimo esempio di come con poche risorse e tante idee si possa fare bene: ottiene quindi quattro stelle su una scala massima di cinque.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!