Iscriviti

"Sid Meier’s Civilization VI: Rise and Fall": espansione del più celebre gioco di strategia

I tanti appassionati che da venticinque anni giocano con la strategia dell'evoluzione umana di "Civilization" hanno atteso questa espansione: "Sid Meier’s Civilization VI: Rise and Fall". Analizzeremo se tanto clamore è giustificato per una espansione.

Games
Pubblicato il 14 febbraio 2018, alle ore 09:43

Mi piace
7
0
"Sid Meier’s Civilization VI: Rise and Fall": espansione del più celebre gioco di strategia
Pubblicità

I molti appassionati di “Civilization”, che giocano al titolo strategico più famoso al mondo, creato da Sid Meier, hanno atteso l’uscita dell’espansione della sesta edizione del gioco che si concentra sull’evoluzione della società umana: per tutti loro, quindi, è pronto “Sid Meier’s Civilization VI: Rise and Fall“.

Le caratteristiche di questa espansione si iniziano a riscontrare dopo aver trascorso tra i 100 ed i 150 turni di gioco, quando la società da noi selezionata e portata ad un livello tecnologico avanzatissimo piomba in un’oscura crisi che attanaglia anche le società a noi opposte: i guadagni diminuiscono, i rapporti tra i regnanti ed il popolo diventano più complessi, e le scelte da prendere diventano difficili.

Le funzioni proposte da “Sid Meier’s Civilization VI: Rise and Fall” sono state inserite per ampliare le possibilità di sviluppare la partita in modo diverso e sempre meno prevedibile, rendendo la vita dei giocatori più appassionati assai piena di scelte da prendere, guerre da gestire con maestria, e rapporti con gli alleati che richiedono una diplomazia attenta e composta.

La nuova tipologia di gestione delle relazioni diplomatiche e belliche con alleati ed avversari è il cardine di questo “Sid Meier’s Civilization VI: Rise and Fall”, completando alcuni spazi di gioco che erano stati lasciati scoperti e che i giocatori più incalliti della serie avevano notato e, tramite proposte dirette, chiesto di migliorare.

I programmatori hanno adempiuto al loro compito di creare un’espansione di completamento e migliorante del titolo base; l’intelligenza artificiale, al contrario, non è stata toccata e rimane tutto sommato la stessa da almeno “Civilization IV” a questa parte, denotando che i programmatori ritengono di aver ottenuto il miglior sistema di gestione delle proprie funzioni automatiche e delle direttive di gioco.

A completare il buon lavoro ci sono alcune aggiunte, come delle nuove creazione grafiche per degli edifici di base, alcuni leader nuovi ed otto meraviglie create per rinnovare la gamma delle costruzioni speciali. Oltre a questo, non c’è molto altro di innovativo e le funzioni tecniche e di programmazione costituiscono il grosso della miglioria di questa espansione.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - "Sid Meier’s Civilization VI: Rise and Fall" è un'ottima espansione per il sesto titolo del gioco strategico di Sid Meier: le innovazioni sono tutte nell'ampliamento delle possibilità di sviluppo della partita, in grado di rendere la vita difficile ai giocatori che portano le proprie civiltà ad uno stato di avanzamento moderno: da qui si svilupperanno crisi diplomatiche e deterioramenti dell'economia, portando la civiltà al rischio del collasso. In aggiunta non ci sono però grandi innovazioni e per i giocatori meno esperti, che amano dilettarsi per qualche ora con questo titolo, le varianti saranno poche e non influenti. Nel complesso, "Sid Meier’s Civilization VI: Rise and Fall" merita quattro stelle di valutazione su cinque di massimo voto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!