Iscriviti

"Lost Sphear", l’RPG Japan semplice ed immediato

"Lost Sphear" propone i classici canoni del gioco di ruolo in stile giapponese, dove i combattimenti sono basati sulle scelte multiple, sui turni e sulle statistiche. Il gioco è semplice sia nella realizzazione che nel modo di interpretare i personaggi.

Games
Pubblicato il 23 gennaio 2018, alle ore 01:50

Mi piace
10
0
"Lost Sphear", l’RPG Japan semplice ed immediato

A metà gennaio ha trovato la via del mercato videoludico “Lost Sphear”, un gioco di ruolo in classico stile Japan che punta soprattutto ad ottenere l’attenzione degli amanti dei giochi di ruolo, basati sulle statistiche, che hanno già visto la loro origine da metà degli anni ottanta.

In “Lost Sphear” interpreterete Kanata, un giovane eroe che si imbarca con i suoi amici e compagni di avventura lungo le sponde dei vari continenti del suo mondo per cercare di ripristinare quelle parti di universo che si stanno perdendo, coperte da una nebbia misteriosa e malevola che mangia, come un buco nero, la materia.

I personaggi dovranno raggiungere le zone più impervie della mappa del mondo, basata su un sistema tridimensionale isometrico molto classico e privo di ogni genere di abbellimento: una realizzazione tecnica piuttosto scadente da questo punto di vista. Con oggetti e strumenti, Kanata ed i suoi riporteranno alla normalità alcune parti del mondo, le quali garantiranno bonus e benefici.

Nei combattimenti, si ritrova una grafica sicuramente migliore ma ancora troppo basica. Gli avversari sono ben disegnati e il direzionamento degli attacchi movimenta lo svolgimento del combattimento, tenendo alta la soglia di attenzione. Per il resto, la consecuzione degli incontri è piuttosto ritmata, e molto dipenderà dalle mosse che si svolgeranno sulla mappa.

Le musiche sono molto basiche ed dialoghi sono essenziali, a tratti poveri di contenuti e di scelte. Inoltre, a minare questo comparto fondamentale nei giochi di ruolo, c’è la scelta incomprensibile di far scomparire i personaggi che non sono protagonisti dei dialoghi: un qualcosa di piuttosto sorprendente e privo di senso, che rende poco l’atmosfera.

In conclusione, a parte la longevità e la meccanica semplice di gioco, alla base di questo “Lost Sphear” c’è stata un’idea di base con poche ispirazioni e bassa creatività, creando un titolo in genere troppo semplice e povero di contenuti, dedicato solamente ai grandi appassionati degli RPG Japan.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Come molti appassionati dei giochi di ruolo giapponesi, mi attendevo tanto da "Lost Sphear" e, invece, sono rimasto fortemente deluso. La semplicità della giocabilità e la buona longevità della storia sono gli unici punti a favore, contro le tante pecche, dalle musiche standardizzate ai dialoghi poveri, disossati e privi di atmosfera, dalle funzioni di gioco fini a se stesse ad una grafica poverissima e vuota di fantasia. "Lost Sphear" deve piacere solo ai veri appassionati degli RPG Japan della prima generazione, altrimenti sarete sicuramente prima delusi e poi annoiati. "Lost Sphear", purtroppo, merita il voto minimo di una stella su una scala che arriva fino a cinque stelle.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!