Iscriviti

"Lichtspeer", classico sparatutto bidimensionale con modalità "defense"

"Lichtspeer" è un prodotto molto originale: basato sugli schemi classici dei videogiochi sparatutto anni '90 su due dimensioni, ricalca a lunghi tratti anche le funzioni dei giochi di sopravvivenza.

Games
Pubblicato il 9 marzo 2018, alle ore 13:44

Mi piace
9
0
"Lichtspeer", classico sparatutto bidimensionale con modalità "defense"

Dal primo marzo è disponibile per PC e su dispositivi mobili, tramite gli store di applicazioni, “Lichtspeer”, un gioco molto originale che si basa sull’abbinamento del classico sparatutto a due dimensioni molto in voga negli anni ’90 sulle console e della modalità “defense”, contenendo molti istanti nei quali bisogna trincerarsi totalmente per difendere la propria posizione

“Lichtspeer” è stato pensato prevalentemente per dispositivi mobili, ma la curiosità è che il primo marzo è diventato disponibile solo su piattaforme come Steam, appositamente per giochi da PC: solo quale giorno dopo è risultato presente sugli app store, ed è particolare la scelta, in quanto “Lichtspeer” ha un meccanismo di controllo pensato appositamente per gli smartphone, specie nelle fasi più complesse.

Il gioco si risolve, per ogni livello, su una singola schermata, in cui il nostro personaggio compare da un lato mentre dalla parte opposta compaiono gli avversari, mostri che camminano, fluttuano o volano: non sarà necessario solamente distruggere gli avversari, ma occorrerà anche precisione nello sferrare i colpi, perché quelli sbagliati provocheranno l’ira della divinità.

Ancor peggio, sbagliando una quantità industriale di giavellotti e di dardi nel poco tempo a disposizione prima che i nemici arrivino addosso al personaggio, sarà la stessa suprema entità ad eliminarci, sostituendo il protagonista con un altro, denominato con un nome comprendente un numero romano progressivo, stando a segnare quanti gravi errori sono stati già commessi.

Il personaggio potrà godere di molti bonus e di monete spendibili per i livelli più complessi, ad esempio per incantamenti che rallentino il tempo o che penalizzino gli avversari che ci vengono addosso, oppure che migliorino l’efficacia ed il puntamento delle armi a disposizione. Ecco spiegato perché il gioco è molto adatto alla piattaforma touchscreen e, comunque, i controlli sono immediati anche su personal computer.

La grafica è stilizzata e le forme degli sfondi e degli avversari che compaiono sono semplici e curiose. I temi delle ambientazioni sono tutti orientati su una tavola limitata di colori, o caldi o freddi, facendo risaltare più l’atmosfera che la bellezza dello stesso stile cartoonistico. Il gioco con il parlato in tedesco e con le voci austere funziona bene per rendere l’atmosfera di un protagonista sfortunato ed oppresso da decine e decine di nemici che gli stanno alle calcagna.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - "Lichtspeer" è un platform che ha sommato alla modalità "defense" una sorta di "survival" di base, dove la resistenza ai nemici diventa fondamentale come pure il non sbagliare colpi, per non scatenare le malevolenze dell'entità superiore: in questo, "Lichtspeer" assomiglia anche a giochi puzzle come "Candy Crush Saga" o al suo celebre antenato anni '80, "Tetris", dove ogni errore può costare molto caro. "Lichtspeer" è stato ben congegnato sia nell'atmosfera video che audio, semplice ma centrata, e la difficoltà cresce con l'avanzare del tempo. Il gioco alla lunga può diventare ripetitivo e noioso, però nelle prime ore di certo ci sarà molto di cui divertirsi. A "Lichtspeer" assegno quattro stelle di valutazione su un massimo di cinque.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

29 marzo 2018 - 19:33:03

Gran bella grafica, sia questo che "Fe".

0
Rispondi