Iscriviti

"Get Even", ecco lo sparatutto che si addentra nei ricordi

"Get Even" è uscito lo scorso 23 giugno 2017, ed è uno sparatutto costruito sui ricordi del protagonista, con una trama interessante e degli sviluppi del gameplay atipici: tuttavia, non mancano lacune ed imperfezioni.

Games
Pubblicato il 27 giugno 2017, alle ore 13:42

Mi piace
12
0
"Get Even", ecco lo sparatutto che si addentra nei ricordi
Pubblicità

“Get Even” è uno sparatutto uscito sul mercato lo scorso 23 giugno 2017 ed è un titolo che ha catturato le attenzioni della Bandai Namco, elevandosi da “gioco minore” a titolo noto ed interessante per il mercato del videogioco: infatti, “Get Even” è stato prodotto dal piccolo studio di programmazione polacco Farm 51, che aveva lavorato per “Painkiller: Hell and Damnation”, e (in realtà) per pochi altri titoli.

L’esperienza di gioco che si incontra nel giochi di “Get Even” abbraccia molti generi di videogame, primo fra tutti gli sparatutto, e crea tensione ed emozioni al giocatore, il quale verrà catturato dalle ambientazioni, dalla narrativa incalzante della storia, e dalla colonna sonora, vero punto di forza di questo titolo.

Il protagonista del gioco è un ex mercenario dai modi un po’ rudi e maldestri, Cole Black, il quale è impegnato in una missione di salvataggio non troppo precisata, partendo da un manicomio nel quale l’uomo deve trovare la via di uscita: l’unica voce a guidarlo è quella del dottor Red. Il dottore ha donato a Black un particolare visore il quale è capace di visualizzare i ricordi del passato, consentendo al protagonista di rivivere parte della vita di cui ha perso memoria.

Mentre la storia procede tra alti e bassi, con colpi di scena piuttosto prevedibili, le armi si useranno solo in determinate situazioni ed i combattimenti sono di livello assolutamente insoddisfacente, con nemici che perdono la strada e si bloccano oppure che – in fase di copertura – paiono attendere la morte. La maggior parte del gioco la trascorrerete guardando il vostro smartphone con il quale risolverete molti problemi: il gioco, dopotutto si fonda su questo, e non è affatto male in quanto a divertimento, per quanto riguarda questo profilo.

Le texture cozzano con l’ottimo comparto audio: sono di livello sufficiente, ma potevano essere migliori. Il gioco, inoltre, nella parte finale, incontra bug ed errori che impediscono la prosecuzione della storia: spesso si sarà costretti a ripartire dall’ultimo checkpoint per evitare l’errore. Tra pregi e difetti, “Get Even” vi porterà fra i ricordi di Black, cercando di trovare il vero senso della sua esistenza.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - "Get Even" è uno sparatutto creato dal piccolo studio di programmazione polacco Farm 51, e supportato da Bandai Namco, la quale ha voluto scommettere su una piccola realtà che, negli ultimi dieci anni, aveva collaborato solamente alla produzione di un titolo internazionale, !Painkiller: Hell and Damnation". Il lavoro svolto da Farm 51 è complessivamente discreto: ottimo per la superba colonna sonora, buono per lo storyboard, sufficiente per quanto riguarda la qualità delle texture, e pessimo per i combattimenti. Mettendo insieme i vari pezzi di un titolo, per certi versi originale e per altri rodato, si può valutare "Get Even" con tre stelle su una scala che arriva fino ad un massimo di cinque stelle.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!