Iscriviti

"Call of Duty: Warzone": la battle royale sbarca nel gioco Activision

"Call of Duty: Warzone" fissa la nuova frontiera della guerra virtuale del titolo Activision, inserendo la battle royale e le modalità di gioco di multiplayer di massa in una formula ampia e dai molteplici aspetti.

Games
Pubblicato il 18 marzo 2020, alle ore 19:44

Mi piace
12
0
"Call of Duty: Warzone": la battle royale sbarca nel gioco Activision

Call of Duty: Warzone“, il nuovo titolo di Activision, porta una modalità tutta nuova nella propria frontiera di guerra, la battle royale, di primo piano in altri titoli di guerra e di sparatutto in prima persona, come “Battlezone”. Le anteprime di questo titolo, sostanzialmente, si erano notate nell’ultimo “Modern Warfare” della serie, ed ora trovano forma in questo gioco per PC, PlayStation 4 e Xbox One.

“Call of Duty: Warzone” si suddivide soprattutto in due modalità, la Battle Royale e Bottino. Nella Battle Royale possono scendere in campo fino a centocinquanta giocatori contemporaneamente, la mappa è di grandissime dimensioni e ci si deve spingere, in partenza, lontano dai gas tossici che oscurano la vista e che sono dannosi. Sconfitti, ci si ritrova nelle docce del Gulag, il campo di concentramento di concezione sovietica, e da lì si riparte per tornare a caccia dei propri avversari.

L’armamentario che si ha a disposizione nella sfida è molto semplice per rendere molto agile l’azione, due slot per armi e due per le granate, per scendere in battaglia e scaricare colpi a ripetizione contro gli avversari. Oltre a questo, bisognerà avere a disposizione delle maschere antigas, che si rovinano piuttosto rapidamente, per superare i gas velenosi, e molta tattica, agendo al massimo in una squadra di tre giocatori.

La sfida Bottino funziona in maniera opposta: contano solo i soldi che si accumulano nella partita, il vincitore è colui che per primo arriva a un milione di dollari raccolti. Il denaro si raccoglie sconfiggendo gli avversari, ma è solo parzialmente al sicuro: per riuscire a metterlo da parte in maniera definitiva bisogna trasportarlo in banca caricandolo su palloni aerostatici o su elicotteri che fungono da corrieri portavalori.

Queste fasi sono le più complesse, perché si prestano a imboscate da parte degli avversari, che possono cogliere l’occasione per incamerare molto denaro. Allo stesso modo, si può acquistare una cassa di denaro calata dall’alto dagli elicotteri, con un segnale però visibile anche da parte dei nemici, altro punto che si presta a semplici agguati. Quando si viene sconfitti, si ritorna equipaggiati come di tutto punto e non si riparte da lontano. Ci vuole tattica e grande abilità nello sconfiggere gli avversari per primeggiare.

“Call of Duty: Warzone” è sostanzialmente un gioco free-to-play, quindi gratuito, con alcune restrizioni sugli abbonamenti da pagare ad impostare, a seconda della console che si utilizza: è perciò bene controllare quali siano i termini della gratuità del titolo. Il gioco ha una grafica concepita su quella dell’ultimo titolo Modern Warfare ed è ispirata al punto giusto per adattarsi alle grandi battaglie di massa online.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - "Call of Duty: Warzone" si svolge su due modalità di gioco, e in ogni caso porta l'esperienza della serie nella modalità della battaglia di massa, di gran lunga prerogativa quasi esclusiva della serie bellica "Battlezone". I due modi di giocare, la Battle Royale e il Bottino, sono diametralmente opposti ma altrettanto coinvolgenti: il gioco è immediato e non necessita di grandi tempi per imparare come funziona, mentre i tempi di ingresso nelle partite appaiono per ora lunghi. La realizzazione tecnica si fonda sull'ottima esperienza dell'ultimo Modern Warfare e non ci sono limiti particolari. In buona sostanza, "Call of Duty: Warzone" è un titolo ottimale e merita quattro stelle su un massimo di cinque di valutazione.

Lascia un tuo commento
Commenti
Rocco Maiorano
Rocco Maiorano

22 marzo 2020 - 15:29:32

Bel gioco!

0
Rispondi