Iscriviti

E’ morto Jules Bianchi. Dopo mesi di coma il pilota si è spento

Jules Bianchi non ce l'ha fatta. Il noto pilota di Formula 1 che lo scorso ottobre fu protagonista di un terribile incidente era rimasto da allora in coma. Si è spento nella notte nella clinica nella quale era ricoverato

Formula 1
Pubblicato il 18 luglio 2015, alle ore 08:50

Mi piace
0
0
E’ morto Jules Bianchi. Dopo mesi di coma il pilota si è spento

Jules Bianchi non ce l’ha fatta. Il noto pilota francese se ne va a soli 25 anni dopo diversi mesi di coma.

Jules Bianchi è morto nella notte presso l’ospedale di Nizza nel quale si trovava. A dare l’annuncio gli stessi familiari del noto ad amatissimo pilota. Tutti ricorderanno che Jules bianchi lo scorso 5 ottobre scorso durante il Gran Premio di Suzuka, in Giappone, ebbe un gravissimo incidente e le sue condizioni sin da subito erano apparse molto gravi.

In tutti questi mesi, però, Jules Bianchi aveva resistito. Dall’alto dei suoi soli 25 anni, infatti, il suo fisico aveva retto al grandissimo trauma che lo aveva interessato. Ha lottato, ma alla fine ha dovuto arrendersi. Jules Bianchi si spegne ad un passo dai 26 anni che avrebbe compiuto il prossimo mese.

La famiglia ha informato i tanti fan del pilota francese tramite un comunicato su Facebook durante la notte. “Ha lottato fino alla fine, come ha sempre fatto, ma oggi la sua battaglia è arrivata alla fine. Il nostro dolore è immenso e indescrivibile” si legge nel post.

Che qualcosa stesse per accadere, purtroppo, era nell’aria dal momento che solo una settimana fa il padre di Jules Bianchi aveva dichiarato di non essere più tanto speranzoso sulle condizioni del figlio. Ed i fatti gli hanno dato ragione. Jules Bianchi se ne va dopo pochi anni di carriera durante i quali, però, è riuscito ad imporsi per il suo grande talento, gareggiando in ben 34 Gran Premi e raggiungendo ottimi risultati.

La Marussia, il team nel quale Jules Bianchi gareggiava, ha subito voluto commentare l’accaduto: “Siamo devastati dalla perdita di Jules dopo una così dura battaglia. È un privilegio per noi averlo avuto nel nostro team”. La famiglia di Jules Bianchi ha voluto anche ringraziare i fan ed i colleghi che in questi difficili mesi hanno dato loro supporto.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Daniela Pisani

Daniela Pisani - Mi spiace molto per la morte di un grande pilota, ma soprattutto di un ragazzo nel fiore degli anni. La speranza di tutti gli appassionati di Formula 1 era quello di leggere quanto prima la notizia di un suo risveglio. Purtroppo, invece, oggi arriva la notizia più terribile. La Formula 1 purtroppo è uno sport che per quanto appassionante spesso causa tante morti...fin troppe per essere uno sport che dovrebbe intrattenere e divertire tutti coloro che vi si avvicinano e non generare dolore.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!