Iscriviti
Roma

La Pixar si racconta in una mostra a Roma

Dal 9 ottobre fino al prossimo 20 gennaio gli appassionati potranno visitare la mostra "Pixar, 30 anni di animazione", che si tiene al Palazzo delle Esposizioni di Roma.

Cinema
Pubblicato il 11 ottobre 2018, alle ore 03:52

Mi piace
6
0
La Pixar si racconta in una mostra a Roma

Ha aperto il 9 ottobre, al Palazzo delle Esposizioni di Roma, la mostra che racconta l”universo Pixar, dal titolo “Pixar, 30 anni di animazione“. Fino al 20 gennaio 2019 i visitatori avranno modo di esplorare la filmografia completa della Pixar Animation Studios, la celebre casa di produzione di film d’animazione nata nel 1986 in California.

La major si racconta attraverso oltre 400 opere, che illustrano la fortunata combinazione tra i disegni dei suoi artisti e le tecnologie più avanzate della computer grafica e che raccontano le storie, destinate ai bambini quanto agli adulti, e i personaggi creati negli Studios di Emeryville. Più che di film d’animazione destinati ai bambini, si tratta infatti di storie universali in grado di raccontare i sogni, le paure, le emozioni, le speranze e le manie di tutti noi.

L’organizzazione e i suoi protagonisti

La mostra ha esordito al MoMa di New York nel 2005 per poi fare il giro del mondo attraverso bozzetti, disegni fatti a mano o al computer, storyboard, modellini 3D e proiezioni video, attraverso quella magia che porta un disegno su carta a diventare una piccola scultura e che, grazie alla computer grafica, prende vita sulla superficie di uno schermo. L’edizione italiana della mostra è curata da Maria Grazia Mattei, promossa da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale, prodotta dall’Azienda Speciale Palaexpo, ideata e organizzata da Pixar Animation Studios e realizzata con la collaborazione di Meet – Fondazione Cariplo.

La mostra, ha dichiarato Maria Grazia Mattei. “è concepita per approfondire il lavoro di quella che è una vera e propria bottega rinascimentale digitale che crea capolavori, dove disegno a mano, scultura e informatica coesistono sul grande schermo in una sintesi armonica“. Definire la Pixar una bottega rinascimentale digitale significa sottolineare un approccio artigianale di approfondita ricerca, che si cela dietro un processo di lavoro industriale quale quello di una produzione cinematografica da milioni di dollari.

Cesare Maria Pietroiusti, presidente dell’Azienda Speciale Palaexpo che produce l’evento, afferma: “Questa mostra persegue alcuni compiti propri dell’arte ovvero portare lo spettatore a riflettere sul linguaggio e i mezzi che vengono usati per realizzarla e celebrare il lavoro degli artisti in questo caso palesando tutti i passaggi che vi sono dietro alla realizzazione di un film“. 

I personaggi e il percorso espositivo

A partire dal primo lungometraggio realizzato dagli Studios, ovvero “Toy story”, si effettua un percorso all’interno del quale si avrà modo di conoscere più da vicino personaggi come il pesce pappagallo Nemo, Mr. Incredibile e la sua famiglia di supereroi, Saetta McQueen, l’auto da corsa di “Cars”, il tenero Carl Fredricksen e sua moglie Ellie, protagonisri del film “Up”, il topolino Ratatouille con il suo sogno di diventare chef, Riley e le sue emozioni di “Inside out”, l’aspirante musicista Coco, oltre ai particolari e curiosi personaggi protagonisti dei tanti cortometraggi.

Il percorso espositivo è stato organizzato in tre sezioni, ovvero Personaggi, Storie e Mondi, all’interno delle quali ogni film avrà uno spazio dedicato e se ne potrà ammirare la genesi. Ci saranno poi numerose proiezioni video e due installazioni, l’Artscapee lo Zoetrope, le quali permetteranno alle opere esposte di prendere vita e allo spettatore di immergersi totalmente nell’animazione.

Gli eventi collaterali

I visitatori avranno inoltre la possibilità di partecipare agli eventi collaterali che accompagnano la mostra e che sono ad ingresso libero fino ad esaurimento posti. Una serie di incontri con esperti del settore, dal titolo “A regola d’arte“, avrà lo scopo di raccontare l’universo Pixar attraverso approfondimenti sui personaggi dei film, sulle tecniche di animazione utilizzate e sulle modalità di lavorazione adottate negli studi di Emeryville.

La rassegna cinematografica, dal titolo “Passione Pixar“, offrirà invece la possibilità di rivedere i lavori che la Pixar ha realizzato in questi trent’anni, con le proiezioni di tutti i suoi film. Gli eventi avranno luogo nella Sala Cinema del Palazzo delle Esposizioni. Il prezzo intero del biglietto per l’ingresso alla mostra è di 12,50 euro, con le eventuali riduzioni del caso. È possibile trovare ulteriori informazioni inerenti alla mostra sul sito ufficiale del Palazzo delle Esposizioni.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marcella Chimenti

Marcella Chimenti - Personalmente ho sempre adorato i film targati Pixar, tra i quali il mio preferito rimane ancora "Alla ricerca di Nemo". Definisco questi lungometraggi d'animazione piccoli gioielli della cinematografia, sia per quanto riguarda l'aspetto estetico, quindi principalmente il lavoro in computer grafica, sia per quanto riguarda le storie ed i personaggi, dai quali c'è sempre qualcosa da imparare. Il target della Pixar Animation Studios non sono, infatti, solo i bambini, ma anche gli adulti. Ogni film parla ad ognuno di noi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!