Iscriviti

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve. Nei cinema

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve: il nuovo film di Felix Herngren, al cinema dal 24 aprile. Le avventure del centenario Allan Karlsson dopo la fuga dalla casa di riposo

Cinema
Pubblicato il 14 aprile 2014, alle ore 00:07

Mi piace
0
0
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve. Nei cinema

Non è mai troppo tardi per ricominciare: è questa la morale del nuovo film di Felix Herngren, regista emergente che dal 24 aprile porterà in tutti i cinema italiani Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve. Il lungometraggio, ispirato dalla penna di Jonas Jonasson, promette molto bene visto il successo riscosso in Svezia solo l’anno scorso.

Allan Karlsson, prossimo ai cent’anni e dopo una vita vissuta intensamente, si vede rinchiuso in una casa di cura. Proprio pochi giorni prima di festeggiare il suo secolo di età, decide di fuggire da una finestra della clinica. Allan si sente di nuovo libero e questa fuga sarà solo l’inizio di una serie di avventure e disavventure. Racconta di aver passato la sua gioventù ad assistere agli eventi più importanti del secolo scorso in prima persona, giocando un ruolo principale negli avvenimenti storici, come ad esempio dando un grande contributo all’invenzione della bomba atomica o diventando amico intimo dei più importanti presidenti degli Stati Uniti d’America.

Si ritroverà adesso ad incontrare una gang di criminali, a fronteggiare elefanti o ad avere a che fare con un poliziotto tutt’altro che competente. Per chiunque questa sarebbe stata l’avventura di una vita, Allan invece la vede semplicemente come la quotidianetà in virtù del suo passato movimentato. Il tutto è sviluppato in maniera ironica, piena di umorismo, con eventi inattesi e continue sorprese. 

Grande l’interpretazione di Robert Gustafsson nei panni del protagonista, in una storia tutta da vivere che vi coinvolgerà dall’inizio alla fine. Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve è infatti una storia raccontata in maniera semplice, ed è attraverso questa semplicità che le emozioni vengono trasmesse al pubblico. Un mix di situazioni buffe, talvolta surreali, che si mischiano nella realtà di una persona anziana che ha milioni di avventure alle spalle; insegna che tutto è possibile nella vita, anche ad un’età non più “tenera” come quella di un centenario.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!