Iscriviti
Roma

Cinecittà, nasce il cinema dell’Accademia Popolare dell’antimafia

Grazie alla sinergia tra il Centro Sperimentale di Cinematografia e l'Associazione antimafie daSud, l'IIs Enzo Ferrari di Cinecittà ospiterà il cinema dell'Accademia Popolare dell'antimafia.

Cinema
Pubblicato il 14 novembre 2018, alle ore 19:51

Mi piace
2
0
Cinecittà, nasce il cinema dell’Accademia Popolare dell’antimafia

Si chiamerà Cinem-àp il nuovo cinema dell’Accademia Popolare dell’antimafia e dei diritti che, ospitato dall’IIs Enzo Ferrari di Cinecittà, è il frutto ammirevole della sinergia tra il Centro Sperimentale di Cinematografia e l’Associazione antimafie daSud. In un momento storico e drammatico in cui i cinema di Roma chiudono, ecco che, nella stessa capitale, solleva le saracinesche un cinema nuovo per intenti e per modalità: tre film a settimana, due proiezioni al giorno – una in orario scolastico, per gli studenti, e una serale, aperta a tutti – gratis.

Il progetto contro la dispersione scolastica e per il rilancio della periferia è nato sotto lo stimolo dell’Associazione antimafie da Sud, nata nel 2006 in Calabria e che dal 2009 ha sede a Roma, e sarà inaugurato giovedì 15 novembre, alle ore 19, negli spazi dell‘Istituto di Istruzione Superiore Enzo Ferrari“, in Via Contardo Ferrini 83, che, nella sua aula magna, lo ospiterà stabilmente; per l’occasione presenzierà un padrino d’eccezione, Carlo Verdone, ex allievo e consigliere d’amministrazione del Centro sperimentale di Cinematografia. L’inaugurazione sarà, inoltre, preceduta da una proiezione, durante la mattinata, riservata agli studenti del Ferrari.

Portare il cinema nelle scuole“, queste le parole del presidente del Centro Sperimentale, Felice Laudadio, “e promuoverlo tra la cittadinanza di uno dei quartieri più popolosi di Roma e da sempre connotato da un forte legame con la storia del cinema italiano, come Cinecittà, rappresenta il perseguimento di uno dei principali fini istituzionali del Centro Sperimentale di Cinematografia, la più antica istituzione cinematografica italiana“.

Il presidente di daSud, Danilo Chirico dichiara che il progetto ideato dall’Accademia Popolare dell’antimafia e dei diritti è in continua evoluzione, in quanto due anni fa è stato avviato un progetto sperimentale di educazione, di antimafia e di cultura nelle scuole, per poi proseguire l’anno scorso aprendo un teatro e oggi è il turno del cinema, “che permette di rafforzare il ruolo di ÀP come presidio permanente di cultura, innovazione e socialità“, afferma Chirico.

Ida Crea, la preside dell’Istituto Superiore, dichiara di aver accolto con entusiasmo la sfida di daSud, allo scopo di prendere parte ad progetto innovativo e unico in Italia, il quale parte da un modello educativo e culturale compreso nel piano dell’offerta formativa della scuola. “Ripartire dalla scuola per riportare al centro la periferia“, sostiene la preside, con l’intento di prevenire il disagio giovanile e colmare un gap sociale quanto culturale. La collaborazione della scuola con daSud e il Csc di Cinecittà è stata quindi percepita con estremo gradimento, allo scopo di stimolare e incentivare la fruizione cinematografica tra i più giovani quanto tra gli adulti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Erica Luciano

Erica Luciano - Un'iniziativa encomiabile, nata dalla spinta dell'Associazione antimafie daSud che, dalla sua nascita nel 2006, opera per lo sviluppo di una cultura anti-mafiosa e per la promozione dei diritti civili, sociali e di genere. Una scuola periferica di una grande città non può che essere il punto migliore da cui ripartire per la diffusione di una nuova consapevolezza sulla legalità e sui diritti e doveri di tutti noi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!