Iscriviti

Attori e registi italiani morti nel 2019, ecco l’elenco

Tra gli attori, registi e sceneggiatori italiani scomparsi nel 2019 si annoverano Franco Zeffirelli, Valentina Cortese, Andrea Camilleri e Luciano De Crescenzo. Ecco l’elenco dei nomi degli artisti italiani morti nel 2019

Cinema
Pubblicato il 5 gennaio 2020, alle ore 14:09

Mi piace
9
0
Attori e registi italiani morti nel 2019, ecco l’elenco

Il 2019 ha visto la scomparsa di molti volti noti del piccolo e del grande schermo, oltre che diversi registi, doppiatori e sceneggiatori. Ecco l’elenco dei grandi nomi che ci hanno lasciato nell’anno appena concluso. Il nome più noto è sicuramente quello di Franco Zeffirelli, regista italiano tra i più famosi al mondo, che è morto a 96 anni il 15 giugno. Tra i suoi film, gli shakespeareani “La bisbetica domata” con la coppia Elizabeth Taylor e Richard Burton e “Romeo e Giulietta”, e film come “Fratello sole, sorella luna” e “Un tè con Mussolini”. La sua carriera iniziò negli anni ’50 sui set dei film di Luchino Visconti, con il quale ebbe una travagliata relazione sentimentale. E’ stato anche prolifico ed apprezzato regista teatrale e sceneggiatore.

A circa un mese dalla scomparsa del regista è venta a mancare la 96enne Valentina Cortese, attrice collaboratrice storica di Zeffirelli per il quale ha lavorato in “Fratello sole, sorella luna”, Gesù di Nazareth” e “Storia di una capinera”. Nella prolifica carriera cinematografica e teatrale, la Cortese ha lavorato con registi come Michelangelo Antonioni, Federico Fellini, Mario Monicelli e Terry Gilliam. Grazie al ruolo in “Effetto Notte” di François Truffaut ottenute una nomination all’Oscar come migliore attrice non protagonista.

L’attrice Marisa Solinas è morta a soli 77 anni il 13 febbraio, stessa età alla quale il 20 dello stesso mese è venuta a mancare Gaia Germani. Il 1 maggio è scomparsa Alessandra Panaro, che recitò nella cosiddetta “trilogia risiana” con ruoli nei film “Poveri ma belli”, “Belle ma povere” e “Poveri milionari. L’attrice toscana Ilaria Occhini, nota per film come “Benvenuti in casa Gori” e “Mine Vaganti” e alla fiction “Provaci ancora prof!”, è morta a luglio ad 85 anni, mentre il prolifico attore Carlo Delle Piane, che ha lavorato con registi come Eduardo De Filippo, Vittorio Gassman, Roman Polański e Pupi Avati, è morto ad83 anni ad agosto.

Miranda Bonansea, nota per essere stata la più famosa attrice bambina degli anni ’30 ed ex moglie di Claudio Villa, è stata la doppiatrice più longeva in Italia. Morta all’età di 92 anni, ha lavorato fino agli 82, ritirandosi nel 2009 dopo 77 anni di carriera.Sempre nel mondo del doppiaggio, è scomparso a maggio. Bruno Cattaneo, doppiatore e direttore del doppiaggio noto soprattutto per aver dato voce a diversi personaggi dei cartoni animati anni ’70 e ’80 come “Ken il guerriero” e “Yattaman”, ma anche serie più recenti come “”Il Dr. Slump e Arale”. La doppiatrice e attrice Valeria Valeri è venuta a mancare all’età di 98 anni a giugno. Nota attrice teatrale, sarà ricordata dal grande pubblico per il ruolo della madre di Giannino Stoppani ne “Il Giornalino di Gian Burrasca” a fianco di Rita Pavone. Tra i suoi altri ruoli televisivi, anche le serie “Compagni di Scuola” e Un Posto al Sole”.

Andrea Camilleri, sceneggiatore e regista italiano noto per essere il “papà” del Commissario Montalbano, è morto a 94 anni a luglio. Oltre alla creazione dei romanzi, Camilleri ha anche curato la sceneggiatura de “Il Commissario Montalbano” e de “Il giovane Montalbano”. Ad agosto è venuto a mancare a 79 anni Alberto Sironi, regista e sceneggiatore che ha diretto tutti gli episodi della serie “Il commissario Montalbano” dal 1999 fino alla sua morte.

Risale a luglio la morte di Luciano De Crescenzo, scrittore, sceneggiatore, regista e attore. Come attore ha avuto ruoli nella serie “Francesca e Nunziata” e  nel film“La Mazzetta”, mentre come regista ha diretto film come “Croce e Delizia” e “Così parlò Bellavista”, tratto da uno dei suoi numerosi romanzi bestseller. Lo sceneggiatore della serie “Boris” Mattia Torre è morto a luglio a soli 47 anni a causa di una malattia, mentre l’attrice di “Boris” Roberta Fiorentini è morta ad ottobre a 61 anni.

Ad ottobre è invece venuto a mancare a 92 anni Carlo Croccolo, che in molti ricorderanno per il ruolo di Eros Cecconi, futuro suocero di Giacomo nella commedia “Tre uomini e una gamba”, ma che nella carriera vanta oltre 100 titoli, tra i quali “Ieri, oggi, domani” e “‘O re”, che gli valse il la vittoria al David di Donatello.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Anna Santini

Anna Santini - Pesano le morti di quei nomi che hanno dato lustro all'arte italiana all'estero, come Franco Zeffirelli, Valentina Cortese e Andrea Camilleri, che hanno aiutato a portare l'arte italiana oltre i confini nazionali ed hanno raggiunto un pubblico molto più vasto. Mi chiedo, ora che sono morti sia lo sceneggiatore che il regista, cosa ne sarà adesso de "Il Commissario Montalbano".

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!