Iscriviti

Serie A, l’Inter punita dagli ex Candreva e Keita: la Samp vince per 2-1

Al Ferraris si interrompe la serie positiva dei nerazzurri costretti a soccombere sotto i gol di Candreva e Keita. Sanchez sbaglia un calcio di rigore. Di De Vrij il gol dei nerazzurri

Calcio
Pubblicato il 6 gennaio 2021, alle ore 19:40

Mi piace
14
0
Serie A, l’Inter punita dagli ex Candreva e Keita: la Samp vince per 2-1

Dopo otto vittorie consecutive, l’Inter cade a Marassi contro la Sampdoria, trascinata dagli ex Candreva e Keita. I nerazzurri hanno sofferto nel primo tempo l’assenza di Lukaku e sprecato con Sanchez un calcio di rigore. Nella ripresa l’ingresso del belga e il forcing finale dei nerazzurri non sono bastati per evitare la sconfitta, la seconda di questo campionato, dopo quella subita nel derby con il Milan.

In attesa del risultato del posticipo tra Milan e Juventus, con i rossoneri che potenzialmente potrebbero salire a +4 sui nerazzurri, si avvicina alla squadra di Antonio Conte la Roma, che domenica ospiterà all’Olimpico proprio l’Inter.

Nella gara di oggi pomeriggio, l’Inter è scesa in campo con la coppia di attacco Lautaro Martinez – Alexis Sanchez, con Lukaku, recuperato in extremis dopo l’infortunio nella gara con il Crotone, che si accomoda in panchina. Bocciatura per Vidal, sostituito da Gagliardini. Nella Samp, reduce da due sconfitte consecutive, turno di riposo per Quagliarella e Martinez. Prima punta l’ex Keita.

Inizio scoppiettante dei nerazzurri che vanno vicini al vantaggio con Lautaro Martinez, Young e Skriniar. Il pressing nerazzurro viene premiato all’11’ quando Valeri concede un calcio di rigore per il tocco di mano di Thorsby. Con Lukaku in panchina, sul dischetto si presenta Sanchez, che calcia malissimo, consentendo ad Audero di respinge il penalty, che Young non riesce a ribadire in rete, centrando la traversa.

Scampato pericolo si vede la Sampdoria, che prima colpisce una traversa con Tonelli, poi si vede assegnare e revocare dal VAR un calcio di rigore, e poi passa in vantaggio con Candreva al 23’ che trasforma un penalty, assegnato per un tocco di mano di Barella.

Padroni di casa che raddoppiano al 38’, al termine di una bella giocata sulla destra di Damsgaard, che serve a Keita un delizioso cross, che il senegalese manda in rete alle spalle di Handanovic. L’Inter prova nel finale di tempo ad accorciare con Sanchez e Lautaro Martinez, senza successo.

Nella ripresa Conte si gioca la carta Perisic al posto di Young e i nerazzurri provano subito ad impensierire Audero con Lautaro Martinez. Al 51’ Sanchez spreca di testa, mentre al 54’ ci vuole un intervento prodigioso di Handanovic, per neutralizzare il contropiede doriano finalizzato da Jankto.

Al 63’ arriva il momento di Lukaku. L’Inter a trazione anteriore schiaccia la Samp nella propria metà campo e trova al 65’ il gol di De Vrij su azione d’angolo. Al 70’ entra anche Eriksen al posto del deludente Sanchez.

Assalto finale dei nerazzurri con Audero attento sui tentativi di Lukaku e Lautaro Martinez, mentre Perisic di testa, per due volte, non trova la porta. All’ultimo assalto Bastoni, in mischia, spreca la palla del possibile pareggio. Vince la Sampdoria che sale a quota 20 punti, mentre per i nerazzurri, una battuta d’arresto che interrompe momentaneamente i sogni di sorpasso al Milan.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Costantino Ferrulli

Costantino Ferrulli - Una sconfitta, quella dell’Inter, che ha messo in evidenza ancora una volta le lacune difensive della squadra nerazzurra, che quest’anno prende molti gol. Ma ha anche fatto notare che, quando manca Lukaku, in avanti si fa fatica a segnare. Se poi si spreca un calcio di rigore sullo 0-0, allora tutto diventa più difficile.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!