Iscriviti

Ritorna l’iniziativa "Domenica al museo"

Anche la prima domenica di febbraio sarà all'insegna dell'"arte gratis". Grazie all'iniziativa del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (decreto Franceschini) ritorna "Domenica al museo".

Arte
Pubblicato il 4 febbraio 2017, alle ore 22:46

Mi piace
15
0
Ritorna l’iniziativa "Domenica al museo"
Pubblicità

Ritorna la “Domenica al museo“, iniziativa proposta dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo che prevede l’ingresso gratuito a tutti i musei, ma anche gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali, delle maggiori città, tutte le prime domeniche di ogni mese.

Questa iniziativa è in applicazione della norma del decreto Franceschini, che è in vigore dal primo luglio 2014, il quale stabilisce che “ogni prima domenica del mese non si pagherà il biglietto per visitare monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali dello Stato“.

All’iniziativa aderiranno tutti i musei gestiti dal Mibact e tantissimi musei civili e privati. Tutte le informazioni le si possono trovare sulla pagina ufficiale del Ministero, beniculturali.it/domenicalmuseo.

Va sottolineato che, dopo il grande successo che si è verificato la prima domenica di gennaio 2017, durante la quale i Musei del Castello Sforsesco di Milano, nel solo pomeriggio, hanno visto la presenza di ben 7337 visitatori, è stato deciso di dedicare la giornata della prima domenica di febbraio ai bambini e alle famiglie.

Sono state stabilite nove proposte didattiche che, secondo le previsioni, dovrebbero coinvlgere almeno 200 bambini di età compresa tra i 3 e gli 11 anni, con un percorso che darà l’opportunità di visitare le sale ed i cortili interni, senza tralasciare le opere che i Musei conservano, tra le più note è doveroso ricordare: l’Armeria, la sezione Egizia del Museo Archeologico, il Museo d’Arte Antica ed il Museo degli Strumenti Musicali.

I due bookshop, presenti all’ingresso del Castello Sforzesco, proporrano libri dedicati ai più piccoli.

Gli abitanti di Roma e della città metropolitana di Roma, tra gli altri, avranno l’opportunità di visitare, sempre gratuitamente, tutti i musei civici del Sistema Musei in Comune. In questo caso è fondamentale la “certificazione” che documenti di essere residenti del “luogo”, quindi è indispensabile un documento d’identità per il riconoscimento del “luogo di residenza”.

Va ricordato, inoltre, che non sono gratutite: la mostra “Picasso Images” nello spazio espositivo dell’Ara Pacis, la mostra “Artemisia Gentileschi” nelle sale espositive del Museo di Roma in Palazzo Braschi,  le attività al Planetario gonfiabile presso Technotown.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Pezzuto

Francesco Pezzuto - Interessantissima iniziativa, quella di permettere a chiunque di visitare ed ammirare le opere artistiche, in modo del tutto gratuito; è anche molto interessante che, con il passare del tempo, a tale iniziativa si stiano aggregando, oltre che i "musei statali", anche molti musei civili e privati. L'arte dovrebbe essere ammirata da tutti, rendendola, soprattutto, accessibile a tutti, e lo scopo di tale iniziativa è proprio questo. Personalmente, oltre che la prima domenica del mese, aggiungerei anche qualche giorno festivo "particolare" che aderisse a tale offerta.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!