Iscriviti

Notre Dame: una scansione digitale potrebbe aiutare il restauro

Dettagliate scansioni laser in 3D della Cattedrale di Notre Dame catturate da uno storico potrebbero essere utilizzate per salvare l'edificio a seguito del devastante incendio che ha sconvolto il mondo.

Arte
Pubblicato il 23 aprile 2019, alle ore 12:22

Mi piace
5
0
Notre Dame: una scansione digitale potrebbe aiutare il restauro

Tredici milioni di persone visitano la Cattedrale di Notre Dame a Parigi ogni anno, entrando attraverso le enormi porte di legno alla base delle torri piantate solidamente come fossero montagne. I visitatori stanno di fronte a pareti filigranate con vetri colorati e guardano un soffitto sostenuto da delicate nervature di pietra. Se la sua bellezza e magnificenza sono immediatamente evidenti e note, c’è molto su Notre Dame che non lo è.

Tanto per cominciare, non sappiamo chi ha costruito questa cattedrale, né come. Il vescovo di Parigi, Maurice de Sully, commissionò l’imponente complesso ecclesiastico intorno al 1160. Tuttavia, i nomi di coloro che per primi costruirono questo capolavoro furono persi nel corso della storia. Non hanno lasciato tracce alle spalle, ma solo secoli di speculazioni. “È stato versato così tanto inchiostro su quell’edificio“, afferma lo storico d’arte Andrew Tallon. “E gran parte di questo è completamente sbagliato“.

La copia digitale di Tallon

Tallon, morto lo scorso 18 novembre all’età di 49 anni, non fu il primo a capire che i laser scanner potevano essere usati per decostruire l’architettura gotica. Ma fu il primo a usare le scansioni per entrare nelle teste dei costruttori medievali. “Ogni edificio si muove“, dice. “Rimuove sè stesso della propria forma quando le fondazioni si muovono, quando il sole lo riscalda su un solo lato“.

Il modo in cui l’edificio si muove rivela il suo design originale e le scelte che il capomastro doveva fare quando la costruzione non andava come previsto. Il monitoraggio di questo processo di pensiero richiede misurazioni precise. Per molto tempo, gli strumenti utilizzati per misurare edifici medievali erano vecchi quasi quanto gli edifici stessi: piombo, corde, righelli e matite. Usarli era noioso, dispendioso in termini di tempo e soggetto ad errori.

Un miliardo di dati

Le scansioni laser, con la loro precisione raffinata, non perdono nulla. Montandolo su un treppiede, il raggio laser spazia intorno al coro di una cattedrale, ad esempio, e misura la distanza tra lo scanner e ogni punto che colpisce. La scansione è stata fatta mettendo insieme i dati presi da 50 diverse postazioni, all’interno e fuori Notre Dame, che hanno prodotto l’impressionante cifra di un miliardo di misurazioni.

Nonostante i danni molto estesi, la maggior parte delle straordinarie opere d’arte e delle strutture in pietra presenti nella cattedrale sono fortunatamente rimaste intatte. Ma solo il tempo dirà se l’edificio potrà essere riportato al suo antico e amato splendore.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Gabriele Licata

Gabriele Licata - L'incendio che ha coinvolto la più famosa cattedrale parigina ha scosso tutta la popolazione globale. Le fiamme sono state domate tempestivamente, ma i pensieri della gente sono rivolti alla possibilità di rivedere la Chiesa nello stesso splendore precedente questo tragico avvenimento. Fa piacere venire a conoscenza del fatto che, grazie alla tecnologia sempre in continua evoluzione, le speranze di ricostruire Notre Dame non sono bruciate insieme alla storica cattedrale.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!