Iscriviti
Napoli

Napoli, alcuni grandi artisti celebrano il Vesuvio in una mostra

Fino al 29 settembre, a Napoli è possibile assistere ad una mostra sul Vesuvio, il vulcano diventato un simbolo della città partenopea. Un luogo, una immagine di grande fascino e anche paura che molti artisti hanno saputo raccontare e descrivere.

Arte
Pubblicato il 15 agosto 2019, alle ore 14:12

Mi piace
16
0
Napoli, alcuni grandi artisti celebrano il Vesuvio in una mostra

A Napoli, capoluogo della Campania, presso La Certosa e Il Museo di San Martino, i visitatori hanno la possibilità di vedere una mostra che racconta uno dei suoi simboli, ovvero il Vesuvio.  Il titolo della mostra è Vesuvio quotidiano_Vesuvio universale fruibile dal 6 luglio sino al 29 settembre curata da Anna Imponente insieme a Rita Pastorelli.

Il Vesuvio è un luogo molto visitato e importante, non solo per Napoli, ma anche nella storia dell’arte, in generale. Il vulcano è sempre stato un simbolo di grande forza, rinascita, ma allo stesso tempo ci si sente fragili di fronte alla sua potenza. Il titolo della mostra fa riferimento a un libro di Maria Pace Ottieri dal titolo Vesuvio universale.

La mostra presenta circa 100 opere di vari artisti e tutte provenienti dal Museo di San Martino, ma anche da collezioni sia pubbliche che private. Si comincia con varie cartografie a tema naturalistico, come Athanasius Kircher, tratta da Mundus supterraneus con il Vesuvio in sezione per poi proseguire con tantissime altre dedicate alla storia del vulcano e alle eruzioni del  XVII e XIX secolo. Il visitatore si trova di fronte sia opere storiche, come quella di Gargiulo, ma anche altre contemporanee e moderne.

L’eruzione del 1872 è stata raccontata in tantissime immagini e dipinti da Giuseppe De Nittis. Oltre alle sue tele, il visitatore può vedere anche dipinti e quadri del Settecento e Ottocento, insieme alle testimonianze dirette di Carlo Bonavia, Pietro Fabris, Pierre Jacques Volaire, alcuni rappresentanti del Grand Tour che hanno documentato alcune vedute del vulcano napoletano.

Un’esposizione che racconta del Vesuvio e si conclude con una serie di fotografie tutte dedicate ai vulcani attivi in Italia con una attenzione particolare rivolta al vulcano partenopeo. Lungo il percorso, si può assistere anche a cortometraggi sul Vesuvio, da ieri a oggi, comprese altre eruzioni, come quella del 1944.

Per chi fosse interessato a visitarla, sappiate che è aperta tutti i giorni, a eccezione del mercoledì, dalle 9.30 alle 17 con il biglietto intero al costo di 6 Euro. Per ulteriori informazioni, si consiglia di contattare il sito museale del Polo della Campania per orientarsi durante la visione della mostra.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Una mostra atipica, diversa dal solito, che punta l'attenzione su un simbolo, non solo partenopeo, ma del mondo. Interessante vederne la sua evoluzione, i cambiamenti e capire le emozioni che è in grado di suscitare e dare al pubblico. Insomma, una ulteriore chicca per tutti i napoletani, e non solo che vogliono conoscere qualcosa in più del Vesuvio.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!