Iscriviti

"L’Urlo" di Munch, svelato il suo segreto

È del pittore Edvard Munch la misteriosa frase scritta sul suo dipinto più famoso. La conferma è stata data dall'analisi della calligrafia e dalla tecnica dei raggi infrarossi.

Arte
Pubblicato il 23 febbraio 2021, alle ore 23:58

Mi piace
0
0
"L’Urlo" di Munch, svelato il suo segreto

Il celebre dipinto “L’Urlo” del 1893, realizzato dall’artista norvegese Edvard Munch, e conservato alla Galleria Nazionale di Oslo, nascondeva in un angolo un misterioso graffito scritto a matita: “Può essere stato dipinto solo da un pazzo”, frase oggi attribuita proprio al pittore precursore dell’avanguardia dell’Espressionismo, confermata dall’analisi della calligrafia e dalla tecnica dei raggi infrarossi.

Un’opera suggestiva dove Munch si autoritrae in quattro versioni, come una larva umana sopra un ponte della città di Nordstrand, durante una passeggiata con gli amici, colto da un’improvviso attacco di panico. Lo stesso Munch confesserà: “Il sole stava calando sul fiordo, le nuvole erano color rosso sangue. Improvvisamente, ho sentito un urlo che attraversava la natura. Un grido forte, terribile, acuto, che mi è entrato in testa, come una frustata […]Anch’io mi sono messo a gridare […] Ma nessuno mi stava ascoltando […] ho fatto urlare i colori. Non mi riconoscete, ma quell’uomo sono io“.

L’arte di Munch ha costantemente esplorato la psiche umana e le sue ossessioni, come la morte, la solitudine, l’ansia e la depressione, attraverso colori brillanti e ambientazioni desolate, influenzata dalle malattie, dai lutti familiari, dalla sua depressione, dalla dipendenza dall’alcool,  e dagli amori tormentati, come quello con la ricca ereditiera Tulla Larsen, che gli costò un dito frantumato per un colpo di pistola.

Edvard Munch, infatti, a cinque anni perse la madre, stroncata dalla tubercolosi, la stessa malattia che porterà via la sorella Johanne Sophie, seguita dalla psicosi depressiva del padre, dalla pazzia dell’altra sorella Laura e dalla morte del fratello Peter Andreas.

Un’arte prestigiosa esposta nei musei di tutto il mondo, considerata degenerata nel 1934 dal regime nazista di Hitler, come quella di Modigliani, Picasso, Van Gogh, Gauguin, Chagall, Kokoschka, Klee, Kandinsky, Beckmann, Ernst, Mondrian, Libermann e Kirchner, ma fortunatamente scampata alla cieca distruzione della dittatura.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rossana Lucente

Rossana Lucente - Edvard Munch può essere considerato un pittore moderno, capace di indagare l'animo umano in profondità, toccandone il fondo degli abissi, i pesi schiaccianti e le ombre inquietanti. Avendo avuto una vita travagliata, tra famiglia sfortunata e relazioni sentimentali tormentate, è sempre riuscito ad imprimere nei suoi quadri la solitudine umana più devastante.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!