Iscriviti
Torino

Le foto inedite di Frida Kahlo per la prima volta in Europa

Per la prima volta, 60 fotografie inedite scattate dall'amico e amante Nickolas Murray giungono a Torino alla Palazzina di Caccia di Stupinigi. Gli scatti raccontano una Frida Kahlo inedita: Frida Kahlo artista, donna, amante, ma anche un percorso sui suo oggetti.

Arte
Pubblicato il 5 febbraio 2020, alle ore 15:59

Mi piace
10
0
Le foto inedite di Frida Kahlo per la prima volta in Europa

La nota pittrice Frida Kahlo arriva a Torino in una mostra in una veste completamente inedita e per la prima volta in Europa. La Palazzina di Caccia di Stupinigi ospita dal 1 febbraio al 3 maggio 2020 circa 60 foto scattate dall’amico Nickolas Murray a Frida Kahlo, grande pittrice del Messico e icona, diventata un esempio per tantissimi.

Un evento realizzato da Next Exhibition e Ono arte contemporanea che immortala la pittrice messicana in un modo inedito come nessuno l’ha mai vista prima d’ora. Murray è un fotografo e artista di origini ungheresi, ma naturalizzato americano, che conosce nel 1923 l’artista Miguel Covarrubias con il quale diventa subito amico e collaboratore.

Nel 1931 giunge poi in Messico con l’amico Corrubias e la moglie Rosa. Proprio il Messico è il luogo dove tutto iniziò perché qui ha modo di conoscere Diego Rivera, un grande muralista e marito di Frida e la stessa attrice messicana con la quale ebbe una relazione tra alti e bassi e una amicizia molto forte che è durata fino alla sua morte avvenuta nel 1954.

Le fotografie che Murray ha scattato a Frida raccontano di questo percorso e legame in un periodo che copre gli anni che vanno dal 1937 al 1946. Sono fotografie che mostrano la natura di Frida, il suo sguardo, ma anche le capacità dello stesso Murray e il suo straordinario talento fotografico e artistico. Sono fotografie che raccontano di Frida, del suo mondo, del suo amore per la sua terra messicana, ma anche delle persone a cui è particolarmente legata.

La mostra che raccoglie 60 fotografie raccontano gli anni della vita artistica, lavorativa e anche intima della stessa Frida. Ci sono scatti realizzati in Messico, a Coyocan, la sua casa, ma anche altre fotografie a New York o ritratti in cui posa insieme alla famiglia.

Lo spettatore ha modo di capire ancora meglio lo stato d’animo di Frida in quanto la mostra si apre con una parte che simula l’incidente che le ha devastato il corpo e l’anima. Una mostra arricchita da fotografie di Frida, ma anche dai suoi vestiti, gioielli, compreso anche le lettere d’amore che Murray e la stessa Frida si sono scambiate nel corso della loro relazione.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Non vedo l'ora di riuscire a vedere questa mostra che è unica in Europa e che approda in uno scenario meraviglioso e stupendo come la Palazzina di Caccia di Stupinigi. Una mostra che dà valore a Frida artista, ma anche donna e amante, oltre che donna che non si è mai lasciata vincere dalle sfide e dalle sconfitte che la vita le ha fatto vivere. Un esempio da emulare.

Lascia un tuo commento
Commenti
Laura Filippi
Laura Filippi

05 febbraio 2020 - 17:51:10

Che meraviglia!

0
Rispondi
Simona Bernini
Simona Bernini

05 febbraio 2020 - 18:41:37

Non vedo l'ora di andare!

0
Rispondi