Iscriviti
Bologna

I presepi del Settecento in mostra a Bologna

La scuola e l'arte degli intagliatori di legno apre le sue porte in una mostra che si tiene a Bologna e racconta i presepi del Settecento con tantissime statuine che rappresentano questo momento culturale natalizio.

Arte
Pubblicato il 17 dicembre 2018, alle ore 21:55

Mi piace
12
0
I presepi del Settecento in mostra a Bologna

Manca veramente poco e ognuno di noi festeggerà il Natale. Cosa c’è di più bello che celebrarlo con la mostra dei presepi del Settecento che si tiene a Bologna, per la precisione al Museo Civico d’Arte Industriale e Galleria Davia Bargellini di Bologna fino al 20 gennaio 2019. Vediamo insieme cosa si andrà ad ammirare e come è allestita la mostra.

Dallo scorso 7 dicembre al 20 gennaio 2019 è possibile ammirare i presepi del Settecento realizzati dai maestri di Genova. Un’esposizione grazie alla quale i visitatori possono ammirare i presepi tra la seconda metà e la fine del XVIII secolo, che arrivano dal Museo Giannettino Luxoro di Genova, massima espressione dell’artigianato genovese e della sua lunga tradizione.

Quando pensiamo ai presepi, i primi che ci vengono in mente sono quelli dei maestri di Napoli, con tantissime statue e figure diverse ogni anno. Oltre alla scuola napoletana vi sono anche quelle di altre città, come appunto Genova, fiere di mostrare la loro tradizione, il loro artigianato e la storia dei presepi, insieme a Bologna, sede dell’esposizione.

A differenza delle figure del presepe campano, che si realizzano in terracotta dipinta, estremità in legno, anima di ferro dolce e riempimento di stoffa, con costumi e accessori vari, quelle di Bologna e Genova si caratterizzano per un solo materiale: le sculture sono realizzate interamente in legno, un materiale che è molto più reperibile nei colli del capoluogo emiliano. Durante la mostra è possibile vedere statuine in legno scolpite e policromate, oltre a manichini lignei articolati realizzati in tessuto, simbolo dell’arte tessile della zona.

Due gruppi di statuine sono in mostra: il primo datato alla seconda metà del 1700, con le figure tipiche del presepe di Genova e il secondo caratterizzato da manichini in legno che richiamano la scuola di Anton Maria Maragliano e le diverse scuole di intagliatori di Genova. Inoltre, sono presenti anche le statue dei Re Magi, oltre a scenografie sempre diverse e nuove.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Ammetto la mia ignoranza, ma non conoscevo assolutamente la scuola bolognese e quella genovese dei presepi, forse un po' sottovalutate rispetto a quella napoletana. Questa mostra è l'occasione per scoprire e conoscere altre realtà esistenti, in modo da capire meglio un pezzo della nostra storia e cultura dei presepi e dell'artigianato locale.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!