Iscriviti
Genova

Genova ospita "Babel", la mostra fotografica sul Bataclan

Michela Battaglia e Stefano De Luigi allestiscono un'esposizione fotografica a Palazzo Ducale a Genova, fruibile fino al 2 giugno. Sono esposte fotografie che prendono spunto dalla tragedia del Bataclan e fanno riflettere sugli scatti. Uno sguardo d'insieme sul mondo e sulla vita.

Arte
Pubblicato il 11 maggio 2019, alle ore 17:23

Mi piace
12
0
Genova ospita "Babel", la mostra fotografica sul Bataclan

Il 9 maggio a Palazzo Ducale a Genova, Michela Battaglia e Stefano De Luigi hanno inaugurato una mostra atipica, insolita. Un’esposizione di fotografie che prende spunto dal Bataclan, il luogo diventato famoso per essere stato sede di una strage a Parigi nel 2015. I due fotografi prendono spunto da quanto successo quel giorno, ma cercando anche di riflettere sul significato della fotografia.

Un’esposizione che è una riflessione sull’uso della fotografia e che vede coinvolti una serie di scatti, cartelloni pubblicitari e immagini raffigurati nella metropolitana di Parigi, oltre ad immagini estrapolate dalle varie riviste di propaganda Daesh. Un’esposizione realizzata a quattro mani, dove il modo di lavorare di entrambi dà vita a nuove opere e storie.

I due fotografi omaggiano Mimmo Rotella e per celebrarlo puntano su un quadro bianco in cui interagiscono, raccontano i loro diversi modi di lavorare, ma anche le loro arti visive e cosa significa per loro la fotografia. Sono tutte immagini, fotografie che invitano a riflettere, a fermarsi, a non soffermarsi sulla superficie, ma andare oltre.

Michela Battaglia, classe 1982, palermitana, decide di abbandonare la città natale per trasferirsi a Milano e studiare fotografia. Pubblica il libro “Storie di mafia” e i suoi lavori e scatti sono apprezzati sia in Italia che all’estero. Stefano De Luigi, invece, è di Colonia, ha vissuto a Parigi per lavoro, ha scritto diversi libri e ottenuto vari riconoscimenti. Le sue fotografie sono state esposte un po’ dappertutto: da New York a Ginevra, fino a Roma, dove tuttora lavora.

L’esposizione fotografica presenta 32 opere, in alcune delle quali vi è l’intervento dello spettatore che prova a svelare, raccontare i vari piani che compongono l’immagine stessa e dare alla fotografia un significato, un momento diverso. L’esposizione è fruibile a partire da venerdì 10 maggio fino al 2 giugno con i seguenti orari; lunedì-venerdì, 9-18, mentre il sabato e la domenica 10-19 ad ingresso libero.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Un'esposizione fotografica molto particolare, che non è solo osservare delle fotografie, ma provare a capire cosa nascondono, quale lavoro c'è dietro e anche cercare di non soffermarsi alla superficie, ma provare a riflettere, ad andare oltre. Sono fotografie che sicuramente faranno riflettere, ma che saranno anche di grande impatto e forza emotiva per lo spettatore.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!