Iscriviti

Federico Fellini, Padova gli dedica una mostra

Fino al primo settembre, la città di Padova dedica una mostra a Federico Fellini, artista poliedrico. Un'esposizione ricca non solo delle locandine e dei costumi dei suoi film, ma anche dei disegni e delle lettere per Giulietta Masina, il suo grande amore.

Arte
Pubblicato il 16 agosto 2019, alle ore 14:43

Mi piace
15
0
Federico Fellini, Padova gli dedica una mostra

Federico Fellini è stato un artista a tutto tondo: regista, pittore, poeta e un personaggio cardine nel mondo della celluloide e della cultura. Proprio per questa ragione, la città di Padova decide di dedicargli una mostra, la prima in Italia, fruibile fino al 1 settembre, per commemorare questo grande artista di Rimini in occasione anche del centenario della nascita che ricorre il 20 gennaio 2020.

Il titolo della mostra è “Verso il centenario. Federico Fellini. 1920-2020”, presso i Musei Civici agli Eremitani e curata da Vincenzo Mollica, Alessandro Nicosia e Francesca Fabbri Fellini. Una mostra che, a differenza di altre, non si basa su un ordine cronologico, bensì su un corpus che riguarda tutti i suoi lavori. Dai copioni ai contratti, le fotografie, le locandine dei suoi film, ma anche i libri e le lettere che il regista scriveva a Giulietta Masina, il grande amore della sua vita.

Un’altra grande testimonianza del suo estro creativo e del genio di Fellini sono i suoi 160 disegni che è possibile vedere durante il percorso della mostra. In una sala specifica in cui l’ingresso è vietato ai minori è possibile ammirare tutta una serie di disegni erotici disegnati da Fellini stesso negli anni 1991-1992. Sono disegni che hanno il titolo Erotomachia e raccontano il rapporto tra uomo e donna nello sguardo e nei pensieri di Fellini.

La mostra presenta anche una sezione dedicata ad alcune delle locandine dei suoi film più famosi, come I vitelloni, La strada, Amarcord e tantissimi altri successi che lo hanno consacrato. Una sezione speciale è dedicata al film Casanova con tantissimi costumi grazie ai quali Danilo Donati, scenografo e costumista italiano, fu premiato con l’Oscar per la Migliore Scenografia nel 1977.

Federico Fellini è stato un uomo e regista straordinario, nato a Rimini il 20 gennaio 1920. Durante gli anni del liceo, comincia a farsi notare grazie alla sua bravura come caricaturista, per cui gli vengono commissionati alcuni ritratti di grandi divi. Questo talento gli permette di collaborare con alcune riviste. Si trasferisce poi a Roma, dove comincia a frequentare gli ambienti dell’avanspettacolo e incontra il suo grande amore, ovvero Giulietta Masina che sposa nel 1943.

Si fece conoscere poi come sceneggiatore, ma il grande successo arrivò con I vitelloni del 1953 a cui seguirono tantissime altre pellicole, tra cui La dolce vita, Roma, Il Casanova, ecc. Sono tantissimi gli omaggi e i riconoscimenti che ha ricevuto, compreso anche 5 Oscar, tra cui l’ultimo alla carriera, ricevuto poco prima della morte, avvenuta il 31 ottobre 1993.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Una mostra straordinaria, unica nel suo genere, che non celebra o commemora solo il regista Federico Fellini, ma anche il disegnatore, colui che faceva disegni di stampo erotico. Insomma, un artista a tutto tondo che i visitatori avranno modo di scoprire e apprezzare ancora di più. Dal momento che è nato a Rimini, però, credo sarebbe stato più giusto che la mostra fosse allestita nella sua città natale.

Lascia un tuo commento
Commenti
Marilena Carraro
Marilena Carraro

17 agosto 2019 - 15:42:18

Grazie! Vedrò di visitarla...

0
Rispondi