Iscriviti

Andy Warhol in mostra al Vittoriano di Roma

Ha aperto ieri 3 ottobre, al Vittoriano di Roma, la mostra dedicata ad Andy Warhol. Fino al 3 febbraio 2019 i visitatori potranno ammirare le opere del famoso artista, padre della Pop Art.

Arte
Pubblicato il 4 ottobre 2018, alle ore 03:30

Mi piace
10
1
Andy Warhol in mostra al Vittoriano di Roma

Dal 3 ottobre al 3 febbraio 2019 l’Ala Brasini del complesso del Vittoriano di Roma ospiterà l’esposizione dedicata ad Andy Warhol. Organizzata e prodotta dal Gruppo Arthemisia in collaborazione con Eugenio Falcioni & Art Motors srl, sotto la tutela dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano e con il patrocinio della Regione Lazio e di Roma Capitale – Assessorato alla Crescita Culturale e curata da Matteo Bellenghi, la mostra comprende ben 170 opere del genio della Pop Art ed è stata realizzata in occasione del novantesimo anniversario della sua nascita.

I visitatori avranno la possibilità di compiere un viaggio immersivo nell’arte, nei colori e nella cultura legata all’artista che, prima di diventare una delle personalità più autorevoli dell’arte contemporanea, veniva soprannonimato “Andy lo straccione“. La mostra porta a conoscenza del grande pubblico anche le sue origini artistiche e quella che fu la fase iniziale della sua arte, attraverso diversi disegni realizzati da Warhol negli anni cinquanta, che raffigurano oggetti semplici come vasi di fiori, scarpe e accessori di moda.

Le opere peculiari

Dopo questa prima fase, l’artista di Pittsburgh inizia ad occuparsi dei soggetti per i quali oggi è conosciuto in tutto il mondo, ovvero comuni beni di consumo quali la Campbell’s Soup, la Coca-Cola o il Ketchup Heinz. Da qui nasce la vera essenza della sua arte, rappresentata da quegli oggetti che cancellano la distanza che separa ricchi e poveri; Warhol sosteneva infatti che chiunque può permettersi una Coca-Cola e che quella acquistata da un milionario non può essere migliore di quella di chiunque altro.

Un’altra peculiarità di Warhol riguarda la sua fissazione per il mondo dello spettacolo e per le celebrità, come dimostrano le numerose opere che l’artista dedica a questo tema attraverso la serie di ritratti di personaggi famosi, dei quali questa mostra è ricca; si tratta di opere, la più famosa delle quali è quella raffigurante Marilyn Monroe, dipinte ispirandosi alle polaroid da lui stesso scattate a molti dei personaggi famosi con i quali è entrato in contatto. È proprio questo genere di contatti a suggerire a Warhol, nel 1962, l’idea di fondare un magazine dal titolo “Interview“, interamente dedicato alle celebrità.

Degne di nota sono anche le copertine degli album di alcuni famosi artisti appartenenti al mondo della musica, come i Rolling Stones o i Velvet Undergoound & Nico. Negli anni settanta e ottanta è ormai noto come l’artista vivente più produttivo e fantasioso della sua epoca, diventando così il centro catalizzatore della cultura newyorkese. Nel 1987, purtroppo, una semplice operazione alla cistifellea priva il mondo di un personaggio che ha, decisamente, fatto la storia.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marcella Chimenti

Marcella Chimenti - Mi piacerebbe andare a visitare questa mostra. Personalmente non amo in modo particolare la sua arte, ma non posso negare il fatto che ci si trovi di fronte all'opera di uno dei più grandi artisti rivoluzionari del linguaggio artistico e culturale di tutti i tempi. Sarebbe sicuramente un'esperienza estremamente interessante e produttiva.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!