Iscriviti

Facebook: bandiere sui profili, e spot nei video e nei live streaming

Nelle ultime ore, Facebook ha annunciato una serie di novità solo apparentemente in tono minore: sarà possibile abbinare la bandiera nazionale al proprio profilo, e potranno essere inseriti dei brevi spot nei video, o nello streaming delle dirette live.

Internet e Social
Pubblicato il 25 febbraio 2017, alle ore 17:32

Mi piace
11
0
Facebook: bandiere sui profili, e spot nei video e nei live streaming
Pubblicità

Anche in questo weekend, Facebook torna a far parlare di sè, con alcune piccole novità a beneficio tanto degli utenti comuni, quanto degli inserzionisti. Nello specifico, il social in blu permetterà di personalizzare la foto del profilo con la bandiera del proprio Paese, mentre – per gli inserzionisti – sarà possibile inserire dei brevi stacchi pubblicitari, tanto nei video, quanto nelle dirette live.

Per quanto riguarda la prima novità, anche in assenza di un evento particolare (es. i Mondiali di calcio), Facebook permetterà di affiancare i colori della bandiera nazionale al proprio profilo: per avvalersi di quest’opportunità, basterà recarsi nella sezione deputata alla personalizzazione delle miniatura del profilo (facebook.com/profilepicframes) e, quivi giunti, scegliere – tra le 200 bandiere – quella della propria nazione (nel nostro caso, “Italy”), per affiancarla al margine della “fototessera” facebookiana.

Naturalmente, come per tutte le personalizzazioni estetiche di questo genere, anche in questo caso sarà possibile stabilire se tale implementazione debba essere permanente, o temporanea.

Passando, invece, alla novità per gli inserzionisti, Facebook ha pubblicato – nel suo blog ufficiale – un post dall’emblematico titolo di “Un aggiornamento nella monetizzazione dei video” ove spiega che prosegue il test, negli Stati Uniti, che permette agli inserzionisti di inserire stacchi pubblicitari nei video.

Ora, si spiega, potranno scegliere a quale punto del video collocare lo stacco inserzionistico (mid-roll) di 20 secondi e, a partire da quel momento, ne potranno inserire uno ogni 2 minuti di sequenza video. Secondo gli accordi elencati, il 55% degli introiti degli spot spetteranno agli inserzionisti, ed il 45% alla piattaforma di Facebook

Qualcosa di simile verrà istituito anche per i live video, e coinvolgerà quei profili con una base iniziale di 2000 utenti, e che abbiano totalizzato almeno 300 spettatori nelle ultime dirette: in questo caso, dopo 4 minuti di trasmissione, verrà proposto al creatore dello streaming di prendersi una pausa (tramite un avviso, nel flusso dei commenti).

Accettando, partirà lo stacco pubblicitario (con formato verticale) di 20 secondi, e ne potrà essere inserito uno ogni 5 minuti di diretta. Sarà il preludio per gli spot anche all’interno delle partite in streaming (es. quelle della Liga)?

Altri video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Fabrizio Ferrara - Prima o poi, doveva accadere: Facebook sta investendo molto sui video, e sullo streaming, a proposito del quale ha stipulato anche degli accordi per trasmettere match di calcio, e football americano. Questo crea una platea di telespettatori, e pone l'esigenza di monetizzarla: ovviamente, con gli spot. A questo punto, sarà ben difficile dire che Facebook non sia una media agency. Quanto alla novità delle bandiere nazionali, al momento, me ne sfugge l'utilità, a meno che non sia per alimentare il campanilismo degli utenti, e per fare chiarezza all'interno dei gruppi molto affollati.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!