Iscriviti

Attenti al numero anti-bulli, ed alla truffa della lotteria spagnola

Ultimamente, gli SMS stanno conoscendo una seconda giovinezza. Grazie agli hacker che li usano per le loro truffe: come quella della possibile vincita di 1 milione di euro alla lotteria spagnola. Eccone i dettagli.

Software e App
Pubblicato il 13 aprile 2017, alle ore 13:32

Mi piace
9
Preferiti
0
Attenti al numero anti-bulli, ed alla truffa della lotteria spagnola
Pubblicità

Negli ultimi tempi, far riferimento alla Spagna va assai di moda nelle truffe che coinvolgono gli utenti degli smartphone, e dei semplici feature phone. Oltre alla mezza bufala del nuovo servizio anti bullismo, in questi giorni – per SMS – circola la vera e propria truffa relativa ad una possibile vincita alla lotteria spagnola

La prima notizia è una sorta di mezza bufala, ed è relativa all’eventualità che sia stato attivato un nuovo servizio anti bullismo: diversi utenti, infatti, hanno ricevuto un messaggio nel quale si li invitava a far sempre affidamento, 24 ore su 24, su un nuovo numero contro i bulletti, attivo al 900018018. Il numero in oggetto, a quanto pare, esiste per davvero, ed ha realmente una funzione anti bullismo, ma in Spagna.

Nel nostro paese, invece, la numerazione cui far riferimento, in frangenti simili, è la 800-669696: una circostanza da non sottovalutare, perché diffondere – sui social – una numerazione sbagliata – per scopi di emergenza – equivale a mettere nei guai, se non se stessi, almeno chi potrebbe trovarsi nel momento del bisogno.

Passando alla vera e propria truffa “spagnola”, la pagina social della Polizia Postale – nota come “Una vita da social” – ha allertato gli utenti in merito alla circolazione di un messaggio SMS, che notizierebbe della possibilità di aver vinto 1 milione di euro alla lotteria spagnola

Le forze dell’ordine, nell’alert diffuso a tal riguardo, hanno fornito anche altri dettagli: la finta buona notizia di cui sopra presenterebbe anche un link, che porterebbe ad una pagina nella quale verrebbero richiesti – per l’accredito della vincita – i dati anagrafici della vittima, oltre ai suoi riferimenti bancari, ed ai dati della carta di credito. Ovviamente, non v’è alcuna lotteria iberica del genere e, fornendo i dati accennati, diversi utenti lamentano di esser stati “alleggeriti” di diverse centinaia di euro. 

Oltre al danno, anche la beffa: l’anonimo truffatore alla base di questa campagna criminale 2.0, infatti, è solito richiedere una cauzione di 500 euro per sbloccare l’accredito della vincita, una prassi – questa – che risale agli albori delle truffe nigeriane, nelle quali veniva sollecitato un contributo per poter esportare all’estero i capitali tenuti in ostaggio dal crudele dittatore di turno. 

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Fabrizio Ferrara - Ultimamente, la cosa mi fa un po' sorridere, capita di ricordarsi dell'esistenza degli SMS più per le truffe che li vedono protagonisti, che per altro. Facezie a parte, la truffa della lotteria spagnola, di vecchia data e - in quanto tale - un evergreen della creatività criminale, è alquanto facile da smascherare: a meno, ovviamente, che non vi sia già capitato di vincere ad un concorso al quale NON avete mai partecipato...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!