Iscriviti

Blurred Lines, Thicke e T.I. con Pharrel e tanta patata

Il video più estivo che c'è. Più che altro per le tre ragazze nude che ci giocano dentro: una mora, una bionda e una mulatta. Ahn... tra l'altro è anche una bella canzone, davvero.

Musica
Pubblicato il 3 luglio 2013, alle ore 15:50

Mi piace
0
Preferiti
0
Blurred Lines, Thicke e T.I. con Pharrel e tanta patata
  • correlati
  • commenti
robin-thicke-blurred-lines

Emily Ratajkowski

Allora, tra le canzoni estive che non ne vogliono sapere di andarsene dal cranio, ce n’è una in particolare, “Blurred Lines“, che non so perché mi rimane impressa da giorni. Settimane. Sarà il ritmo del blues, l’irresistibile black country funk gigione, saranno le rime che cascano giuste sempre sul punto giusto. Giusto, saranno le rime. Magari il loro significato tradotto: “so che lo vuoi, ma sei una brava ragazza”, il senso profondo del ritornello, le strofe impegnate e impregnate di sociale. L’amore universale. Il femminismo.

Robin Thicke, bianco fuori e nero dentro, confeziona una chicca irresistibile, assieme a T.I. e a quel Pharrel Williams lì. Sempre lui, ovunque, bravissimo. Qui produce e costruisce musica con un tiro che gira a mille, per un successo pop che fa muovere a tutti il culo. Che è praticamente l’unica cosa di cui parla T.I. nella sua strofa di “Blurred Lines”, ma di solito il rapper parla di algoritmi e sillogismi, passando velocemente in rassegna le alternative al capitalismo, contro la crisi, per il movimento. Quindi gliela concediamo. E anche a Robin Thicke e a Pharrel Williams, anche loro sempre grigi in volto, per la depressione. Che si divertano pure loro, dai.

E per divertirsi hanno pensato al trio fantasia delle fantasie: una mora, una bionda e una mulatta. Ma ho come la sensazione che buona parte dell’audience si soffermerà sulla mora: Emily Ratajkowski. ‘Sta signorina qui c’ha ventun anni e il seno più bello del mondo, secondo il magazine QNM, tipo, e secondo tanti altri, tra i quali voi che state per guardare il video. Che di blurrato non ha proprio nulla. Ma si porta dietro, un cartello di STOP uguale a un GO. Indovina dove. Stop, dimentica. Gli alieni non sono in vendita. Ma per fortuna ci sono i saldi, quindi: tanga color carne per tutte. Che c’è fame.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!