Iscriviti

Albania: capolavori dell’Arte italiana del Novecento

Grandi attese per la mostra-evento di Tirana e che sarà aperta al pubblico sino al 2 aprile 2017. Secondo gli addetti ai lavori, sarà un enorme successo e lo stesso primo ministro albanese ne esalta l'importanza.

Arte
Pubblicato il 20 gennaio 2017, alle ore 14:40

Mi piace
15
0
Albania: capolavori dell’Arte italiana del Novecento
Pubblicità

In occasione dell’evento-mostra “Capolavori dell’Arte Italiana del Novecento” che si terrà a Tirana sino al 2 aprile 2017, e dopo l’accordo tra l’Ufficio del Primo Ministro e il Ministero della Cultura albanesi, l’Ambasciata d’Italia e l’istituto di Cultura Italiano a Tirana, sbacheranno dall’atra parte del mar Adriatico, e per la precisione a Tirana oltre cento opere presenti all’interno della Galleria d’Arte Moderna di Roma.

Ritratti di nature morte, splendide donne e raffigurazioni di paesaggi mozzafiato, immortalati dai più grandi pittori della prima metà del ‘900 – si va da Donghi a Guttuso, per poi ripartire da Carrà sino ad arrivare a Manzù – saranno ammirati dai visitatori del Paese delle Aquile.

L’evento-mostra è attesissimo, oltre che dal pubblico Albanese, anche dalle stesse istituzioni che si “vantano” dell’opportunità in essere.

Lo stesso premier Edi Rama ha dichiarato che questa è “un’opportunità unica. La prima collezione di opere originali italiane mai giunte in Albania”, evidenziando che, sicuramente, questo è un ulteriore passo in avanti per lo scambio culturale tra i due Paesi, ed afferma che è “un’importante tappa nella cooperazione culturale fra i due Stati”.

Il percorso espositivo metterà in risalto la “situazione artistica” presente, non solo a Roma, ma in tutta Italia, in particolare nella prima metà del ‘900.

Il progetto, curato da Arianna Angelelli, Maria Catalano e Federica Pirani, si basa sul Tardo Naturalismo e Simbolismo, Secessione Romana, Futurismo e Aeropittura, Tradizione italiana e dialogo con l’antico, Scuola Romana, Figurazione e Astrazione.

Molto probabilmente, questo potrebbe essere solo l’inizio di una “collaborazione” e “condivisione”, dal punto di vista delle opere artistiche, tra l’Italia e l’Albania.

Non va dimenticato che tutto questo è stato possibile soprattutto grazie al lavoro svolto dall’italiana Arthemisia, la quale si è preoccupata, oltre che dell’organizzazione, anche del coordinamento e della produzione dell’evento.

Gli addetti del settore sono convinti della riuscita del progetto e, molto probabilmente, è solo l’inizio della “divulgazione dell’arte nel mondo”. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Francesco Pezzuto - Il nostro Paese, è risaputo, oltre che ad essere un museo a cielo aperto è anche una "miniera" di opere d'arte che tutto il mondo ci invidia. Non è da tutti i giorni, per Paesi come la vicina Albania, avere l'opportunità di poter usufruire di tanto splendore che solo "pochi privilegiati" possono vantare di possedere. La condivisione è fondamentale per la crescita reciproca di entrambi i Paesi. Speriamo che questo sia solo l'inizio di un lungo percorso basato sull'apprezzamento e sulla divulgazione dell'arte italiana nel mondo.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara

21 gennaio 2017 - 12:11:33

Beh, spero di poterli vedere anche in Italia :)

0
Rispondi
Francesco Pezzuto

21 gennaio 2017 - 12:36:12

:-)

0