Iscriviti

EICMA 2017: ecco i 4 scooter elettrici della cinese Niu, per la mobilità urbana

Allo scorso EICMA 2017, uno stand della famosa kermesse milanese del ciclo e del motociclo è stato riservato alle 4 proposte di scooter elettrici della cinese Niu, una start-up decisamente promettente nel settore della mobilità personale a zero emissioni.

Moto
Pubblicato il 28 novembre 2017, alle ore 10:56

Mi piace
9
0
EICMA 2017: ecco i 4 scooter elettrici della cinese Niu, per la mobilità urbana

Anche nella mobilità personale, scandita dai veicoli a 2 ruote, si sta facendo strada la propulsione elettrica, con moto, moto-bike, e scooter elettrici le cui prestazioni si avvicinano sempre più a quelle dei corrispettivi a benzina: allo scorso EICMA 2017 di Milano, la cinese Niu ha proposto 4 nuovi scooter elettrici decisamente pensati per gli spostamenti nel traffico cittadino.

Niu è una giovane azienda cinese, fondata nel 2015 da Li Yi Nan e Token HU, che hanno sfruttato le loro passate esperienza in Baidu (il Google cinese) e Microsoft per lanciarsi nel mercato degli scooter elettrici. Il primo veicolo concepito, il N1 v.1.0, fu al centro di una delle maggiori campagne di crowdfunding della storia, con circa 11 milioni di dollari raccolti: in seguito, poi, arrivò il più performante N1S in cui il motore elettrico da 2.400W era capace di una velocità massima di 45 km/h, grazie anche ad una capiente batteria da 29aH.

Allo scorso EICMA 2017 di Milano, Niu ha allestito un intero stand con ben 4 proposte per la mobilità urbana ecologica. Il modello più avveniristico, ancorché in versione di concept (commercializzazione solo nel 2019), si è rivelato essere il Niu Project X, una sorta di maxi scooter, emulo dei corrispettivi termodinamici, capace di raggiungere una velocità massima di 120 km/h, e di vantare un’autonomia di 160 km grazie ad una doppia batteria, di cui una fissa ed una d’emergenza rimovibile. La particolarità di questo scooter è di avere un pannello comandi costituito da un touchscreen, da quale si può accedere al sistema operativo del veicolo, basato su Android, ed aggiornabile da remoto come fosse uno smartphone qualsiasi: grazie al GPS e ad un’app per smartphone Android e iOS, l’utente può controllare in qualsiasi momento lo stato di carica della batteria, il funzionamento del veicolo, e venir avvertito in caso di spostamenti non autorizzati.

Il Niu N-GT, come tutti i modelli proposti, rinuncia ai motori Bosh in favore di soluzioni proprietarie e, nella sua versione base, è in grado di assicurare una velocità massima di 80 km/h, con un’autonomia di 130 km, ricaricandosi – poi – il 6 ore da una normale presa elettrica. Con la variante X, invece, il medesimo scooter estende a 100 km/h la velocità massima, ed a 180 km l’autonomia di percorrenza. Per montare in sella a uno di questi scooter, non occorrerà attendere molto, ed anzi lo si potrà sfoggiare già dalla prossima estate, ad un costo approssimativo di 4.000 euro.

In coda alla proposta dello stand Niu, troviamo il N-U Pro che si rivela comunque valido per chi affronta il traffico cittadino per le piccole incombenze o per recarsi a lavoro, grazie ad una velocità massima di 45 km/h, e ad un’autonomia di ben 70 km

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Niu sta facendo per la mobilità personale un po' quello che Toyota sta compiendo per quella ibrida su 4 ruote, e Tesla per quella completamente elettrica, sempre in ambito automobilistico. I veicoli della nuova gamme Niu, esposti allo scorso EICMA 2017 di Milano, sono tutto sommato abbordabili, decisamente innovativi, e comparabili - per performance - agli omologhi a benzina: certo, il prototipo di Niu Project X è lo scooter più accattivante di tutta la proposta, essendo un veicolo davvero iperconnesso, pari ad alcune avanzatissime auto degli ultimi tempi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!