Iscriviti

Villeneuve equipara Hamilton a Schumacher: “Hanno vinto solo quando avevano l’auto migliore”

Jacques Villeneuve ha detto la sua su uno dei punti che accomunerebbe Lewis Hamilton a Michael Schumacher. Oltre ad aver vinto tanto disponendo dell’auto migliore, i due sarebbero anche riusciti a costruirsi un team intorno a loro.

Formula 1
Pubblicato il 11 ottobre 2019, alle ore 16:55

Mi piace
5
0
Villeneuve equipara Hamilton a Schumacher: “Hanno vinto solo quando avevano l’auto migliore”

Oltre ad avere in tasca il sesto titolo mondiale, Lewis Hamilton è sempre più prossimo a raggiungere il record di vittorie di Michael Schumacher. Con le sue 82 affermazioni, l’anglocaraibico è a un passo dal primato del tedesco che in carriera è salito per 91 volte sul gradino più alto del podio.

Così, mentre il conto alla rovescia ha ufficialmente avuto inizio, nell’ambiente sono in tanti a cercare delle analogie tra i due piloti più vincenti della storia della Formula 1. A dire la sua sull’argomento è stato anche Jacques Villeneuve, che per l’occasione ha rilasciato un’intervista al sito tedesco motorsport-total.com.

L’opinione del figlio del grande Gilles, è che non sarebbe mai possibile mettere a confronto due campioni di epoche differenti. Ogni periodo ha delle macchine e delle regole differenti, che a seconda dei casi possono far emergere un pilota piuttosto che un altro. Sulla scorta di questa premessa, non accetta le dichiarazioni sempre più diffuse di chi arriva ad equiparare Lewis Hamilton ad Ayrton Senna.

Proprio per lo stesso motivo, sarebbe difficile paragonare l’attuale pilota della Mercedes al kaiser di Kerpen. Dall’altra parte con la schiettezza che lo contraddistingue, il canadese ha però trovato un’analogia. “Questi due piloti hanno vinto solo quando avevano la macchina migliore” ha sentenziato il campione del mondo 1997 che in carriera ha avuto modo di duellare di persona con il tedesco.

In altre parole il loro impressionante numero di vittorie, sarebbe stato figlio della loro capacità di prendere le scelte giuste sul team con cui correre. Così come Schumacher è riuscito a dominare con la Ferrari che assecondava ogni sua esigenza, anche Hamilton “in Mercedes ha costruito la squadra attorno a sé. Tutto qui. In Ferrari potrebbe non essere riuscito a vincere. E anche con Senna, ha vinto con la macchina migliore. Lo stesso con Prost. È così che funziona”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Difficilmente si diventa campioni del mondo con un’auto non competitiva. Chi dispone di un mezzo valido ma inferiore alla concorrenza, per vincere deve sperare nella mancanza di affidabilità oppure nei ripetuti errori di chi è più forte. Hamilton e Schumacher non hanno sbagliato un colpo, incrementando il loro bottino di vittorie nel momento in cui disponevano dell’auto più veloce del lotto. Stesso dicasi per il Vettel visto in Red Bull. Come concluso da Villeneuve, funziona proprio così: il pilota più forte sull’auto più forte è destinato a dominare lasciando agli altri soltanto le briciole.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!