Iscriviti

Niki Lauda torna in terapia intensiva dopo 5 mesi dall’operazione

Niki Lauda è stato portato in terapia intensiva a causa di una gravissima influenza. Ecco tutto quello che si conosce al momento, dalle fonti austriache.

Formula 1
Pubblicato il 10 gennaio 2019, alle ore 15:36

Mi piace
4
0
Niki Lauda torna in terapia intensiva dopo 5 mesi dall’operazione

Niki Lauda ha subito una battuta d’arresto nel suo recupero da un’operazione di trapianto di polmone lo scorso anno. Il 69enne tre volte campione del mondo di Formula 1 è tornato in terapia intensiva all’AKH Wien, l’Ospedale Generale di Vienna, dove l’ anno scorso è stato eseguito l’intervento chirurgico.

Niki Lauda è stato trasportato all’ospedale da Ibiza dopo aver interrotto le sue vacanze di Natale sull’ isola spagnola, secondo quanto riportato da alcune testate giornalistiche austriache. Si ritiene che abbia sofferto di un grave attacco influenzale.

Niki Lauda torna in terapia intensiva

Il presidente non esecutivo della Mercedes non è tornato al paddock lo scorso anno dopo la sua operazione in agosto. All’epoca si diceva che si trovasse in uno stato estremamente critico prima dell’ operazione e dopo aver trascorso diverse settimane in terapia intensiva.

Fu curato dal professor Walter Klepetko, capo del dipartimento clinico per la chirurgia toracica, e dal suo team. Mercedes ha condiviso un messaggio di Lauda sui social media a fine novembre dell’anno scorso, ringraziando la squadra e i suoi amici. “Come tutti sapete, ho avuto un brutto periodo dal punto di vista della salute“, ha detto. “Il sostegno che ho ricevuto da tutte le persone sulla mia strada è stato incredibile“. La sua guarigione avrebbe dovuto essere un processo lungo.

Lauda vinse il campionato del mondo nel 1975 e nel 1977 con la Ferrari, e nel 1984 con la McLaren. Proprio l’anno tra i due titoli mondiali, subì lesioni ai polmoni quando si schiantò al Nurburgring nel 1976, inalando un gran quantità di fumo e restò ustionato prima di essere tirato fuori dall’abitacolo della sua monoposto dagli addetti del soccorso. Ancora oggi, porta i segni delle ustioni sul volto, tra cui un orecchio malandato, e altri segni sul suo viso.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Molto probabilmente non si tratta di una semplice influenza, in quanto la terapia intensiva generalmente viene causata da problemi molto più seri. Potrebbe anche esserci altro che, insieme all'influenza, hanno costretto i medici a portarlo nelle sale della terapia intensiva. Speriamo che possa quanto meno tornare ad assistere il proprio team in vista del mondale 2019.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!