Iscriviti

Il figlio di Michael Schumacher, Mick, vince il Gp d’Ungheria di Formula 2

Mick, il figlio di Michael Schumacher, ha vinto il Gp d'Ungheria di Formula 2 sul circuito dell'Hungaroring: secondo il giapponese Nobuharu Matsushita, terzo il brasiliano Sérgio Sette Câmara. Ottavo invece l'italiano Luca Ghiotto.

Formula 1
Pubblicato il 4 agosto 2019, alle ore 21:01

Mi piace
6
2
Il figlio di Michael Schumacher, Mick, vince il Gp d’Ungheria di Formula 2

Emozionante fino all’ultimo secondo: è la vittoria che oggi ha conquistato il figlio di Michael Schumacher al GP D’Ungheria di Formula 2, sul circuito dell’Hungaroring, dopo ben quindici anni dalla vittoria in Formula 1 conquistata dal papà, sette volte campione del mondo.

Mick Schumacher ha ottenuto il primo posto per la prima volta nella sua partecipazione in Formula 2: ha chiuso in ottavo posto in gara-1 sabato 3 agosto, capitanando sempre in prima fila durante tutta la gara-2, prestando ottima attenzione anche nel controllo delle gomme: è riuscito così ad anticipare il ventiseienne giapponese Nobuharu Matsushita, della britannica Carlin Motorsport, che ha chiuso la gara con il secondo posto ed il ventunenne brasiliano Sérgio Sette Câmara, della francese Driot-Arnoux Motorsport, con il suo terzo gradino del podio. L’italiano ventiquattrenne vicentino Luca Ghiotto, del team automobilistico britannico UNI Virtuosi, conclude invece la gara all’ottavo posto.

Ottavo nella FeatureRace

Il ventenne Schumi jr, nato il 22 Marzo 1999 nel comune svizzero del distretto di Morges a Vufflens-le-Chateau, è allievo della Ferrari Driver Academy dal 19 gennaio 2019 ed a Budapest ha vinto con il Team Prema: ha colto il vantaggio dell’ottavo posto conquistato ieri nella FeatureRace e, durante la corsa finale del weekend, dal momento in cui i semafori si sono arrestati, è riuscito impadronirsi del percorso interno.

Capace di tutelarsi dal giapponese Nobuharu Matsushita, ha saputo gradualmente conquistarsi la meritata vittoria, successo che aveva ottenuto anche l’anno scorso con il podio della Formula 3 europea a Spa, dove anche il papà aveva conquistato grandi vette. Prima della vittoria, aveva solo trenta punti, con il tredicesimo posto ed il quarto gradino nell’austriaca gara 2: nel mondiale sono 196 i punti che mantengono De Vries primo di fronte ai 166 del canadese Nicholas Latifi.

La portavoce Sabine Kehm tra i tifosi

Tra i suoi tifosi vi era anche Sabine Kehm, diventata la sua portavoce vedendolo crescere dal 2008 quando correva nei Kart e si faceva chiamare con il cognome da nubile della madre, cavallerizza tedesca, utilizzando il soprannome “Mick Betsch”.

Ha seguito prima la carriera del padre e successivamente la famiglia, in seguito al drammatico incidente di Schumacher senior sugli sci, in quel terribile 29 dicembre 2013 in Francia, a Méribel (nel corso del quale il grande pilota era assieme al figlio Mick jr).

Per il padre, che ha definito nel marzo 2017 il suo idolo e modello, ha festeggiato – il 27 agosto 2017 – i 25 anni dalla prima vittoria in Formula 1, svolgendo in suo onore un giro di pista con la Benetton B194, prima del Gran Premio del Belgio di Formula 1.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Lara Tubia

Lara Tubia - Grande stima per questo giovane campione che con la sua forza e tenacia si sta facendo strana nel mondo della Formula 2 a soli vent'anni: la sua battaglia più grande però immagino l'abbia abbia dovuta affrontare nel 2013, in seguito all'incidente sugli sci del padre, con cui era presente quel drammatico 29 dicembre.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!