Iscriviti

Hamilton-Mercedes: si complicano le trattative per il rinnovo contrattuale

Il rinnovo del contratto che lega Lewis Hamilton alla Mercedes giunge ad un inaspettato stop. Stando alle indiscrezioni trapelate, da una prima trattativa le parti hanno espresso dei punti di vista difficilmente conciliabili.

Formula 1
Pubblicato il 31 gennaio 2020, alle ore 09:23

Mi piace
8
0
Hamilton-Mercedes: si complicano le trattative per il rinnovo contrattuale

A poco più di un mese dall’inizio del campionato, a ravvivare l’ambiente della Formula 1 ci pensa il mercato piloti. Una delle pedine più importanti è senza dubbio Lewis Hamilton, pilota legato alla Mercedes da un contratto che scadrà al termine della stagione 2020.

E proprio il futuro di “The Hammer” appassiona non solo i suoi fan, ma anche quelli della Ferrari, che negli ultimi tempi in più di una circostanza hanno espresso la loro speranza di poterlo presto vedere in rosso. L’opzione davvero affascinante ha creato subbuglio tra gli addetti ai lavori, ma al momento sarebbe prematuro pensare che possa giungere a Maranello nel 2021.

Come anticipato, quello che il sei volte campione del mondo deciderà di fare, dipenderà dall’evoluzione delle trattative con la Mercedes. Stando a quanto riportato dal Corriere dello Sport, al momento il possibile punto di incontro tra le due parti sarebbe molto lontano. L’inglese ha infatti richiesto un ritocco all’attuale ingaggio pari a circa 45 milioni di euro a stagione. Le voci parlano di non meno di 55 milioni e il contestuale rinnovo fino al 2024 o 2025. A fronte di tutto ciò, Hamilton avrebbe offerto l’impegno di chiudere la carriera con la Mercedes, diventando allo stesso tempo ambasciatore della Stella a tre punte.

Da Brackley non hanno però accettato le proposte formulate dal pilota che mira a superare i record di Michael Schumacher. Ola Kallenius, nuovo numero uno del gruppo Daimler, dopo aver lanciato la sua campagna di spending review con la quale punta a risparmiare un miliardo di dollari entro il 2022, non potrebbe accettare un simile aumento di ingaggio. La Mercedes si è quindi limitata ad offrire un ritocco molto meno sostanzioso, e solo a fronte di un contratto la cui scadenza non potrebbe andare oltre al 2022.

L’ex della McLaren ha quindi puntato tutto sul ritorno di immagine e sull’intenzione di continuare ad impegnarsi come in tutti i sette anni in cui ha corso per la Mercedes. Il re dell’era turbo-ibrida spera quindi di poterla spuntare, ma a ridimensionare le sue pretese ci ha pensato Toto Wolff, precisando che la priorità assoluta della squadra rimane quella di poter mettere in pista un’auto competitiva, che potrebbe essere offerta anche ad altri piloti meno esosi come George Russell.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Il tira e molla per il rinnovo contrattuale di Lewis Hamilton è appena iniziato. L’idea che va facendosi largo è che avendo tolto dalla circolazione Verstappen e Leclerc, Hamilton e la Mercedes siano quasi costretti a rimanere insieme. Tutto dipenderà ovviamente dall’incognita Vettel: se dovesse decidere di abbandonare la Ferrari, di fatto potrebbe lasciare un posto molto ambito ad un pilota che vorrebbe chiudere la carriera con le auto di Maranello.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!