Iscriviti

Felipe Massa annuncia il suo ritiro a fine stagione

Con il termine della stagione in corso, si concluderà la carriera in Formula 1 del pilota brasiliano. Per l’annuncio il paulista ha scelto di attendere il weekend di Monza così come fece nel 2006 il suo ex compagno di squadra Michael Schumacher.

Formula 1
Pubblicato il 5 settembre 2016, alle ore 19:44

Mi piace
10
0
Felipe Massa annuncia il suo ritiro a fine stagione
Pubblicità

La stagione 2016 sarà l’ultima a vedere Felipe Massa alla guida di una vettura di Formula 1. Il 35enne pilota brasiliano in forza alla scuderia di Frank Williams, ha maturato la decisione negli ultimi mesi quando ha avuto modo di pensare molto al suo futuro. “La vita ci presenta molte scelte e penso che per me sia arrivato il momento di farmi da parte e fare qualcosa di diverso”. 

Nella sua lettera di commiato, l’ex ferrarista ha avuto modo di ripercorrere la sua carriera nelle corse automobilistiche, con la maggior soddisfazione raggiunta al volante della Rossa in occasione della vittoria del gran premio del Brasile del 2006, anno che vide il suo debutto con la più famosa delle scuderie di Formula Uno. “Vincere a San Paolo, a casa mia, è stata un’emozione unica”. Sempre con la Rossa di Maranello gli altri momenti più belli ed intensi della sua carriera. Tra questi le vittorie e i podi maturati, oltre ad un campionato del mondo perso per un solo punto nel 2008 a favore del rivale Lewis Hamilton. Nonostante l’epilogo rocambolesco di quella stagione, conclusasi sotto la pioggia del suo Brasile, Felipe ha voluto semplicemente commentare nel seguente modo: “Avrei potuto vincere il titolo. Ma sono ancora una persona felice e serena”. 

Il brasiliano della Williams ha anche avuto modo di ringraziare le persone più importanti della sua carriera come Jean Todt. Fu proprio l’attuale presidente della FIA a decidere di puntare sul giovane Felipe Massa all’epoca in cui ricopriva il ruolo di direttore della gestione sportiva della Scuderia Ferrari. “Ancora oggi è il mio migliore amico”. 

Felipe non poteva certo trascurare delle parole di elogio verso il suo primo compagno di squadra in Ferrari, il sette volte campione del mondo Michael Schumacher. Il kaiser di Kerpen è il pilota che più di ogni altro ha influito sulla sua carriera, divenendone il suo mentore. E così come il tedesco nel 2006, anche Massa ha deciso di attendere il weekend brianzolo per comunicare il proprio ritiro dal circus della Formula uno.  

Kimi Raikkonen, suo successivo compagno di squadra in Ferrari, si è rattristato una volta appresa la notizia del ritiro, elogiandolo comunque per il modo con cui ha superato l’incidente del 2009 in Ungheria, talmente grave da metterlo fuori scena per la restante parte della stagione.  

Al momento Massa ha però solo l’intenzione di concentrarsi sulle ultime gare del campionato, cercando di incrementare il suo attuale bottino di 11 vittorie, 41 podi e 16 pole position

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Antonio Sorice - Felipe Massa è il pilota che si colloca al secondo posto per numero di gran premi condotti al volante di una Ferrari, avendola guidata dal 2006 al 2013. Le attese verso il brasiliano erano sicuramente tante, i risultati però non sempre all’altezza. Nonostante la velocità, non sempre ha dimostrato di poter vantare quella continuità necessaria per diventare campione del mondo. A livello psicologico ha dovuto combattere con compagni di squadra del calibro di Schumacher, Raikkonen ed Alonso. L’occasione per realizzare il sogno iridato nel 2008 è però svanita con il fumo del motore scoppiato a pochi giri dal termine del gran premio di Ungheria che stava conducendo; poi la beffa del pit-stop di Singapore e l’amaro epilogo del Brasile. Anche nel 2009 l’Ungheria gli si dimostrò avversa per via della molla che lo colpì sul casco e lo escluse dalle corse per l’intera annata. Nel 2010 il famoso team radio “Fernando is faster than you”, un ordine di squadra che fiaccò il suo spirito nei successivi anni in Ferrari. Anche se non ha mai convinto in pieno i tifosi della Rossa, è e sarà sempre un pilota corretto che si è adoperato per la causa della Ferrari.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!