Iscriviti

Coronavirus, l’appello di Demicheli: "Le scuole devono restare chiuse"

Le scuole devono restare chiuse secondo Vittorio Demicheli, che in un'intervista esclusiva ne spiega anche il motivo.

Cronaca
Pubblicato il 29 febbraio 2020, alle ore 11:43

Mi piace
4
0
Coronavirus, l’appello di Demicheli: "Le scuole devono restare chiuse"

Per consentire una pulizia approfondita delle scuole, in molte regioni d’Italia le stesse sono rimaste chiuse fino ad oggi, e in alcune regioni del nord, c’è il rischio che la chiusura possa essere prolungata per un’ulteriore settimana. C’è chi è contrario e questa soluzione e chi invece è propenso, come ad esempio Vittorio Demicheli, epidemiologo dell’Unità di Crisi della Regione Lombardia

In un’intervista pubblicata sul Corriere, Demichelli spiega il perché le scuole dovrebbero continuare a restare chiuse. Innanzitutto, spiega che il Coronavirus preso da un singolo cittadino, si diffonde ad almeno altre due persone. Laddove, i positivi sono tanti, è chiaro che il contagio aumenta in maniera esponenziale.

L’Unità di Crisi controlla 24 ore su 24 la mappa ed il numero dei contagi e Demicheli ha spiegato come in realtà il Coronavirus sia guaribile nel 90% dei casi. I restanti però, soprattutto se sono persone con basse difese immunitarie, possono presentare gravi sintomi, al punto da richiedere la terapia intensiva.

Inoltre, continuando il discorso, spiega che non è molto utile agire dopo, in quanto ad esempio il ritmo di 5-6 contagi al giorno, come accade a Codogno in cui gli abitanti sono solo 50 mila, in una città come Milano può provocare un vero e proprio disastro. Essendo, poi, il tempo di incubazione prossimo ai 14 giorni, chiudere le scuole per un’altra settimana consentirebbe di arrivare a venerdì, con il Coronavirus già combattuto in parte, potendo così i ragazzi tornare a scuola senza problemi già dal lunedì successivo.

Altri problemi sono riscontrati dal punto di vista ospedaliero: gli ospedali nelle vicinanze delle “zone rosse” non riescono a contenere più i pazienti, in quanto sono troppi quelli tenuti a ricovero. L’unico motivo per il quale si riesce ancora a gestire la situazione è che il ritmo dei contagi è abbastanza “basso” da consentire il trasferimento delle persone in altri ospedali, per liberare posti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Una pulizia approfondita nelle scuole ci voleva a prescindere: dire che molte strutture pubbliche sono fatiscenti è riduttivo. Limitare i contatti al momento è l'unica cosa che può essere fatta per ridurre le probabilità di contagio, oltre che seguire le istruzioni riportate sul manifesto pubblicato sul sito del Ministero della Salute.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!