Iscriviti

Serie A Tim: tutte le emozioni della 21esima giornata

Una giornata ricca di gol e sorprese quella appena trascorsa (33 reti in 9 partite, aspettando Empoli-Genoa), con molte rimonte e risultati inaspettati.

Calcio
Pubblicato il 28 gennaio 2019, alle ore 12:35

Mi piace
9
0
Serie A Tim: tutte le emozioni della 21esima giornata

La Serie A negli ultimi anni ha avuto la brutta nomea di essere un campionato noioso, senza emozioni rispetto a Liga e Premier League. In questa giornata appena trascorsa, invece, l’impressione è che il trend stia cambiando, con partite importanti e belle, con gol e spettacolo.

Il sabato comincia con Sassuolo-Cagliari, la prima dei neroverdi senza Boateng (andato a Barcellona in una trattativa lampo). La squadra di De Zerbi vince 3 – 0 grazie ad una difesa aerea perfetta per fermare Pavoletti e al cinismo in fase di attacco, che fa entrare nel tabellino dei marcatori Locatelli, Babacar (dal dischetto) e Matri da subentrato.

Alle 18 si scontrano invece Sampdoria e Udinese, sfida che vede i Blucerchiati dominare con l’immenso Quagliarella (doppietta dal dischetto, in gol da 11 partite di fila e record di Batistuta eguagliato), Linetty e Gabbiadini.

La giornata si chiude con il big match tra Milan e Napoli, che vede il rientro di Koulibaly a San Siro. La partita si chiude a reti bianche ma con molte emozioni e l’espulsione al 93esimo, molto contestata, di Fabiàn Ruiz.

La Domenica inizia con un roboante 3-4 tra Chievo e Fiorentina, con un super Chiesa e continue emozioni, poi la giornata prosegue con tre partite alle 15 con emozioni per tutti: Bologna-Frosinone chiude molto probabilmente l’esperienza di Inzaghi alla guida della squadra Rossoblu che ora si ritova braccata proprio dai Ciociari; Atalanta-Roma vede i Giallorossi andare in vantaggio per 0 a 3 dopo soli 40 minuti ma, al termine del primo tempo, Castagne riapre i giochi per la Dea che riacciuffa la squadra di Di Francesco con Toloi e Zapata (che sbaglia anche un rigore sul 2-3). Rimonta completa invece quella della Spal, a discapito del Parma, che si illude con la doppietta di Inglese ma si fa riprendere e perde all’87esimo 2-3.
Alle 18 l’Inter perde e non convince contro il Torino, grazie ad un colpo di testa di Izzo deviato alle spalle di Handanovic; nel secondo tempo da menzionare l’espulsione di Politano.

A chiudere la Domenica calcistica, in attesa del posticipo di stasera fra Empoli e Genoa, la sfida dell’Olimpico tra Biancocelesti e Bianconeri, con la Lazio che gioca bene e mette alle corde una Juventus spenta e senza idee, anche per l’assenza di Pjanic, che trova però la vittoria grazie ad un errore difensivo che concede il rigore trasformato da Ronaldo al 88esimo e che permette alla Juve di allungare a +11 il suo vantaggio in classifica sul Napoli.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Elia Mason

Elia Mason - La Juventus non convince, ma allunga a +11 sul Napoli che invece non punge contro il Milan. Corsa al quarto posto molto bella e spettacolare che vede 7 squadre in 5 punti (dal Milan al Torino), con i top club che arrancano e le squadre di media classifica che si affacciano ad un sogno chiamato Europa.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!