Iscriviti

Serie A 2020, quali sono i Top e quali sono i Flop.

Tempo di bilanci anche per il calcio italiano. Scopriamo insieme quali sono stati i giocatori che hanno stupito e quali sono invece i giocatori che hanno deluso.

Calcio
Pubblicato il 31 dicembre 2020, alle ore 13:00

Mi piace
6
0
Serie A 2020, quali sono i Top e quali sono i Flop.

La nostra amata Serie A, è stata nel 2020 la patria di giocatori già affermati e di grandi campioni ma talvolta anche di giocatori che purtroppo non hanno alimentato le aspettative di inizio anno, autodichiarandosi flop. Il campionato nell’ultimo anno è riuscito comunque a donarci emozioni nonostante l’intromissione anche nel gioco del calcio del covid. Ma chi sono questi top e questi flop?

Il protagonista indiscusso è sempre lui, CR7. Tra un record e un altro si riconferma ancora una volta come uno degli MVP dell’anno. Giocate pazzesche e gol hanno contribuito all’ennesima vittoria della Juve nei momenti decisivi. L’altro MVP di questa stagione è tutto italiano, orgogliosamente Ciro Immobile. Ha trascinato la Lazio per tutto il 2020 diventandone il punto di riferimento. Ciro,scarpa d’oro europea, è senza dubbio il miglior attaccante che il nostro paese ora possa offrire.

A Milano coloro che invece hanno regalato momenti di gioia ai rispettivi tifosi dell’Inter e del Milan sono stati sicuramente il bomber belga Lukaku, micidiale nell’area di rigore e poi Ibrahimovic, leggenda del calcio che a quasi quarant’anni fa sognare ancora i rossoneri. Rossoneri che sognano anche grazie a Theo Hernandez, terzino tuttocampo capace anche di realizzare bellissimi gol. Bisogna omaggiare meritatamente anche l’Atalanta del Gasp che grazie soprattutto alle prodezze del papu Gomez e dell’esterno Gosens, ha fatto sognare in grande i bergamaschi.

Altri top di questo 2020 calcistico sono stati sicuramente il centrocampista della Lazio Luis Alberto, il milanista Kessiè, lo scugnizzo Insigne e il gallo Belotti. Ma ogni medaglia ha due faccie e per ogni top c’è sicuramente un flop. In effetti il 2020 sicuramente non è stato l’anno della consacrazione di giocatori come Eriksen, forse il flop che ha fatto più discutere. Sempre a Milano come flop c’è anche Kolarov, lontano parente del giocatore che ha regalato prodezze alla Roma.

Tra i flop, rientra sicuramente anche Bernardeschi della Juve, ormai oggetto misterioso. Hanno deluso le aspettative in questa prima parte di campionato anche il brasiliano Arthur e lo spagnolo Fabian Ruiz. Anche Dybala, ha brillato solo in alcune circostanze, per arrivare poi a Nainggolan che invece in questa fase finale del 2020 è rimasto ai margini del progetto di Conte.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Luigi Ceci

Luigi Ceci - Credo che la Serie A sia diventata molto competitiva e anche squadre di media classifica hanno dimostrato di potersela giocare tranquillamente con le squadre di vertice. Sono arrivati tantissimi giocatori e si sono formati ancora di più a mio avviso quelli che sono i titolari della nostra nazionale. Credo che il modo di giocare in Italia sia completamente diverso dal modo di giocare negli altri campionati e forse questa novità è stata decisiva per moltissimi giocatori.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!