Iscriviti

Parma Calcio, salta il trasferimento di Gervinho in Qatar. Ora i crociati pensano al ricorso alla FIFA

Sembrava fatto per il trasferimento di Gervinho all'Al Sadd, ma la federazione qatariota ha deciso di respingere il suo tesseramento. Ora il Parma pensa di fare ricorso.

Calcio
Pubblicato il 3 febbraio 2020, alle ore 09:59

Mi piace
3
0
Parma Calcio, salta il trasferimento di Gervinho in Qatar. Ora i crociati pensano al ricorso alla FIFA

La cessione di Gervinho alla squadra qatariota allenata da Xavi Hernandez, ex stella del Barcellona, sembrava essere davvero ad un passo. Infatti, nella conferenza stampa della sfida Cagliari-Parma, l’allenatore dei crociati aveva dichiarato: “Per quanto riguarda Gervinho non è fra i convocati perchè nelle ultime tre sedute di allenamento non si è presentato al campo. Evidentemente ha voluto fare una forzatura con la società per essere ceduto. Premetto che quattro giorni fa è venuto a parlare con me della possibilità di andare via per poi vedersela con la società. Credo che il giocatore sia stato venduto”.

Parole che non sembravano lasciare spazio alla fantasia. Il Parma aveva trovato anche un accordo con la squadra dell’Al Sadd: 5,5 milioni di euro con l’aggiunta di qualche bonus. Il calciatore ivoriano invece avrebbe firmato un contratto di 18 mesi a 6 milioni.

La firma arriva in ritardo

Gervinho, presente all’Hotel Sheraton, nelle ultime ore non sembrava più convinto di partire per il Qatar. Il calciatore, probabilmente sotto insistenza del suo staff, ha firmato il suo contratto soltanto alle 21:59, mentre il mercato qatariota chiude alle 22:00 ora italiana.

Tuttavia, a poche ore dall’inizio del match contro il Cagliari, arriva una doccia fredda sia per Gervinho che per i dirigenti crociati. Come riportato da Sky Sport, infatti, la Federazione qatariota non ha accettato il trasferimento dell’ivoriano, dato che la relativa documentazione è pervenuta oltre i termini prescritti. Sempre secondo la piattaforma televisiva, il Parma starebbe pensando di presentare un ricorso alla FIFA per tentare di sbloccare la situazione.

In meno di due giorni, infatti, Gervinho si è autoescluso dal progetto emiliano. Alessandro Lucarelli, club manager del Parma, ha dichiarato: “Abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare come società, siamo in attesa di sapere se l’operazione è andata a buon fine. Ma da lui ci saremmo aspettati un comportamento diverso”. Stessa cosa per D’Aversa, che ha dichiarato che Gervinho ha trascorso la miglior stagione della carriera grazie al suo gruppo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - Ora resta sia senza la sua squadra qatariota che senza il Parma. Una decisione più che giusta quella della dirigenza emiliana di privarsi del suo calciatore il prima possibile, poiché i suoi comportamenti sono stati sbagliati. Spero vivamente che si possa trovare una soluzione che possa far davvero felici tutti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!