Iscriviti

La nazionale messicana finisce nella bufera per un festino hot con 30 escort

A rivelarlo è la rivista Tv Notas che dimostra come 8 giocatori della selezione messicana si siano incontrati con 30 prostitute poco prima di partire per il ritiro dei Mondiali di Russia.

Calcio
Pubblicato il 6 giugno 2018, alle ore 22:36

Mi piace
11
0
La nazionale messicana finisce nella bufera per un festino hot con 30 escort

Manca poco più di una settimana all’inizio dei Mondiali di calcio in Russia, e come di consueto vengono a galla i primi scandali. A destare l’attenzione dei media non è un caso di corruzione, ma un appuntamento a luci rosse che vede come protagonisti alcuni giocatori della squadra messicana.

Lo scoop reso noto dalla rivista Tv Notas è di quelli clamorosi, e mette nei guai almeno otto giocatori della formazione Tricolor. Stando a quando si può apprendere dalle foto pubblicate in rete, questi ultimi si sarebbero concessi una serata molto piccante poco prima di partire per il Mondiale in Russia, manifestazione in cui sono stati inseriti nel girone F, lo stesso in cui figurano anche i campioni in carica della Germania.

Il c.t. Carlos Osorio aveva infatti concesso alla selezione del paese centroamericano alcune ore di libertà prima della partenza. Diversi giocatori ne hanno approfittato per stare insieme con le proprie famiglie, ma altri hanno invece deciso di concedersi qualche ora di svago con più di 30 prostitute.

Secondo quanto riportato dalla stampa messicana, l’incontro sarebbe durato 24 ore, e avrebbe visto come protagonisti Guillermo Ochoa, Jonathan e Giovani Dos Santos, Marco Fabian, Carlos Salcedo, Hector Herrera, Raul Jimenez e Jesus Gallardo. Il luogo prescelto per trasgredire è stato individuato in un’abitazione di Lomas de Chapultepec, un sobborgo esclusivo alla periferia di Città del Messico. Dalla stessa sono usciti poco prima di partire per la Danimarca, formazione che affronteranno tra qualche giorno come ultimo test prima della Coppa del Mondo.

Le foto hanno immediatamente fatto il giro dei social network, suscitando l’indignazione e lo sdegno dei messicani. Sulla base di quanto riferito da Publimetro, l’allenatore del Messico si è già confrontato con i giocatori coinvolti nel festino hot, i quali non hanno potuto far altro che assumersi le proprie responsabilità.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Non è certo il primo caso del genere, ma fatti come questi arrecano sempre disgusto. I calciatori possono fare quel che vogliono nel tempo libero, ma non dovrebbero dimenticarsi che sono anche degli esempi da seguire. Spesso però sono i primi a trasgredire a quelli stessi valori che vanno professando nelle loro interviste con la stampa. Una simile notizia crea non poco imbarazzo verso un intero paese che avrebbero invece dovuto rappresentare in ben altra maniera.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!