Iscriviti

Juventus e sponsor, nuovo accordo con Adidas per 51 milioni l’anno

Siglato il nuovo contratto che lega la Vecchia Signora all'Adidas per un totale di otto anni a partire dalla stagione sportiva 2019-2020 fino alla stagione sportiva 2026-2027 inclusa, per un totale di 408 milioni di euro.

Calcio
Pubblicato il 23 dicembre 2018, alle ore 12:55

Mi piace
12
0
Juventus e sponsor, nuovo accordo con Adidas per 51 milioni l’anno

Ascolta questo articolo

Da anni la Juventus ha come obiettivo quello di rientrare nei top club europei e lo sta facendo in maniera molto positiva sia in campo che al di fuori, con una gestione economica e dirigenziale che è partita dalla costruzione dello stadio di proprietà fino all’ultimo accordo stipulato dalla dirigenza con il partner tecnico Adidas che prevede l’esclusiva di tutte le squadre Juventus (Giovanili, U23, Femminile e Prima Squadra) a fronte di un corrispettivo fisso complessivo minimo di 408 milioni di euro.

Il contratto precedente, in scadenza al 30 giugno 2021, portava nelle casse dei bianconeri una cifra intorno ai 25 milioni annui. Grazie a questo salto in avanti, la società di Torino si porta tra le più pagate dagli sponsor, dietro solamente al Barcellona, Manchester United e Real Madrid.

Infatti il Barcellona incassa 105 milioni da Nike, mentre il Manchester United si ferma agli 85 di Adidas. Un solo miglione in meno rispetto al Real Madrid (che però sta trattando con Adidas per un rinnovo a cifre doppie). Detto che i 60 milioni del Bayern risentono del doppio ruolo esercitato da Adidas (sponsor e azionista), dalla prossima stagione la Juventus si collocherà nel segmento appena inferiore alle prime tre della classe.

Merito per questo incremento di entrate, oltre all’acurata visione della dirigenza, è lo spessore mediatico esercitato dall’acquisto di Cristiano Ronaldo. Il fuoriclasse portoghese, nonostante il grande esborso economico per il suo acquisto, sta aiutando la Juventus non solo sul campo (con 12 gol tra campionato e Champions League), ma anche nel fatturato, incrementando le ricompense da parte degli sponsor e le vendite del merchandising.

Questa organizzazione societaria, aggiunta alla forza vera e propria della squadra, non fa altro che aumentare il gap con le altre società italiane, che sembrano non riuscire ad uscire da un periodo buio della loro storia.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Elia Mason

Elia Mason - La Juventus post Calciopoli si è riformata non solo nei giocatori della rosa ma anche nell'idea societaria, facendo di questa squadra la regina indiscussa del campionato italiano già da 7 anni e chissà per quanto altro tempo. Le altre contendenti al titolo dovrebbero imparare per la loro ripresa, al posto di brancolare nel buio con continui cambi al potere, senza una linea guida chiara.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.