Iscriviti

Juventus, Andrea Pirlo: "Non contento della mia annata"

Il tecnico bianconero, Andrea Pirlo, si è detto non contento della sua annata dopo il pari contro la Fiorentina che potrebbe complicare la qualificazione. Intanto i tifosi invocano il ritorno di Allegri.

Calcio
Pubblicato il 26 aprile 2021, alle ore 19:25

Mi piace
3
0
Juventus, Andrea Pirlo: "Non contento della mia annata"

Sono parole piene di rammarico quelle di Andrea Pirlo al termine della gara esterna con la Fiorentina, terminata con il risultato di 1 a 1, dopo essere stati in svantaggio. Parole che arrivano dopo la conferma della sua panchina da Fabio Paratici, conferma che vacillerebbe senza qualificazione alla prossima Champions League

E’ lo stesso Pirlo a fare un passo indietro e a recitare un mea culpa rispetto a qualche settimana fa, quando si diede un 6 per la prima stagione di allenatore. “Le aspettative iniziali erano diverse non ritengo di aver svolto il lavoro come volevo e non volevano tutti. Rispetto alle prospettive iniziali non sono contento e non credo neanche la società” 

La partita con la Fiorentina ha fatto perdere la pazienza un po a tutti, tifosi e dirigenza. La Juventus vista in campo domenica è una squadra senza una reale identità di gioco, senza aggressività e che non riesce ad imporsi su avversari che negli anni scorsi sarebbero stati superati senza troppi problemi. 

“Dopo l’infortunio di ieri di Danilo abbiamo cambiato, abbiamo provato a metterci con i tre dietro e gli esterni più alti con due giocatori tra le linee come Ramsey e Dybala: non ha funzionato e all’intervallo abbiamo messo Morata, che avevamo tenuto dalla panchina per dare un cambio di passo durante la partita. Ma dovevamo affrontarla in un altro modo. Coi tre dietro non è andata bene perché avevamo provato una cosa e ne abbiamo fatta una diversa, poi abbiamo impostato come abbiamo fatto durante l’anno ed è andata un po’ meglio. Abbiamo sbagliato a interpretarla, dovevamo cercare di più la profondità diretta contro la loro linea alta e aggressiva, l’abbiamo fatto di più nel secondo tempo e abbiamo visto il risultato”.

Intanto la Juventus è scivolata in quarta posizione, superata anche dall’Atalanta la quale si è presa di prepotenza la seconda piazza. Le inseguitrici, però, non sembrano volersi dare per vinte e i bianconeri dovranno guardarsi le spalle dal Napoli staccato solo di 3 punti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Serena Spaventa

Serena Spaventa - Per certi aspetti la vicenda Pirlo dispiace, per il calciatore che è stato e per l'importanza avuta per l'Italia e per la Juventus. La dirigenza bianconera con tutti i se e i ma che la circondano non doveva buttarlo in questo modo nella mischia, con il rischio di pregiudicare un'intera annata. Ora, l'ex campione del mondo dovrà preparare meticolosamente le ultime partite di campionato le quali non sono affatto semplici (Sassuolo, Milan, Inter, Atalanta), consapevole che un altro passo falso gli potrebbe costare il posto in Champions e la sua riconferma.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!