Iscriviti

Il Napoli pareggia e saluta l’Europa League

Il Napoli pareggia 2-2 contro il Porto e in virtù della sconfitta per 1-0 dell'andata viene eliminata con grande rammarico perchè dopo il vantaggio di Pandev le occasioni per raddoppiare sono state tantissime

Calcio
Pubblicato il 21 marzo 2014, alle ore 11:59

Mi piace
0
0
Il Napoli pareggia e saluta l’Europa League

Il Napoli non riesce nell’impresa e con il pareggio per 2-2 dice addio ai sogni di gloria in campo Europeo. Un Europa maledetta quella di quest’anno vista anche l’eliminazione nei gironi di Champions League con ben 12 punti conquistati.

La squadra di Benitez parte forte e si accorge della difesa molto ballerina della squadra portoghese. Al 21esimo cambia il risultato: Higuain dopo un gran lavoro trova il pertugio giusto per Pandev, scelta azzeccata dal Mister che lo preferisce ad Hamsik, che con uno scavetto supera il portiere Fabiano per il meritato vantaggio che fa esplodere di gioia i 53000 del San Paolo. Il Porto prova a reagire ma non crea occasioni da rete clamorose e il primo tempo si chiude sulla parità perfetto tra andata e ritorno.

Nel secondo tempo il Napoli prova il colpo del ko e va vicinissimo al raddoppio in varie occasioni, soprattutto con Insigne che nonostante l’altezza con una coclusione di testa va vicinissimo al gol ma Fabiano respinge in modo eccellente. La squadra partenopea insiste ma al 69esimo Ghilas entrato da appena tre minuti trova il gol dell’ 1-1 che gela i giocatori e tutto il San paolo dove di colpo cala il silenzio. A questo punto alla squadra di Benitez servirebbero due gol ma il pareggio sà di mazzata psicologica per gli undici in campo che faticano a reagire e infatti al 76esimo arrivo il gol del 1-2 ad opera di Quaresma che mette la parola fine ai sogni del Napoli. Un gol stupendo quello dell’ex inter che ubriaca mezza difesa napoletana e di sinistro infila il pallone sotto l’incrocio dei pali. Nel finale arriva il gol del 2-2 di Zapata, subentrato ad Higuain, che rende solo un pò meno amara l’eliminazione.

I tifosi degli azzurri comunque hanno applaudito tutta la squadra a fine gara perchè comunque la squadra ci ha provato col cuore, ma ciò purtroppo non è bastato. Ora per Higuain e compagni restano altri due obiettivi importanti: il secondo posto in campionato per evitare di fare i preliminari l’anno prossimo e la finale di Coppa Italia dove affronteranno l’altra delusa di giornata, la Fiorentina eliminata dalla Juventus.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!