Iscriviti

Coppa del mondo Russia 2018: tutte le qualificate di ottobre

L'Argentina ottiene la qualificazione in extremis con una vittoria in Ecuador grazie ad una tripletta di Messi. Il suo rivale, Cristiano Ronaldo, con il Portogallo batte la Svizzera ed ottiene il pass diretto per la Russia.

Calcio
Pubblicato il 11 ottobre 2017, alle ore 15:14

Mi piace
18
0
Coppa del mondo Russia 2018: tutte le qualificate di ottobre
Pubblicità

La giornata di ieri 10 ottobre 2017 ha dato molti verdetti riguardo alle partecipanti alla Coppa del Mondo di calcio di Russia 2018. Nel girone sudamericano, la partecipazione dell’Argentina è stata a forte rischio fino all’ultima giornata, ma la vittoria per 3-1 in  Ecuador, con tripletta di Leo Messi, ha garantito all’Albiceleste il pass per la Russia.
Oltre agli argentini, si qualifica anche il Brasile, primo nel girone con 41 punti che ieri ha battuto il Cile per 3-0, estromettendolo dalla competizione. Molto distaccati, ma qualificati, l’Uruguay con 31 punti, l’Argentina con 28 punti e la Colombia con 27 punti. Quinto è il Perù con 26 punti, che dovrà passare da uno spareggio con la Nuova Zelanda per ottenere l’accesso ai mondiali. Il Paraguay si è invece “suicidato”: bastava vincere in casa contro il Venezuela fanalino di coda, invece i biancorossi hanno perso per 0-1.

In Europa, oltre alla Russia padrona di casa, raggiungono la qualificazione la Francia, prima nel girone A e il Portogallo nel girone B: la vittoria di ieri ha regolato la Svizzera e i lusitani, a 27 punti, vanno direttamente ai mondiali. 27 punti su 30 non bastano alla Svizzera, che passerà dagli spareggi. Nel girone C si qualifica la Germania, con 30 punti su 30, nel D la Serbia vince un raggruppamento molto equilibrato. Nel girone E va in Russia la Polonia, l’Inghilterra nel girone F, la Spagna nel girone G, il Belgio nel girone H e l’Islanda nel girone I.

Agli spareggi europei parteciperanno le otto migliori seconde nei gironi: teste di serie saranno la Svizzera, l’Italia, la Danimarca e la Croazia, le altre sono l’Irlanda, l’Irlanda del Nord, la Grecia e la Svezia. Fuori dalle gare di andata e ritorno la Slovacchia, peggiore seconda, mentre l’Olanda, terza nel suo raggruppamento. è fuori dai Mondiali.

Notte di grande pathos e di grandi sorprese anche in Nord, Centro America e Caraibi: il Messico era già qualificato come il Costarica, mentre agli Stati Uniti bastava una vittoria contro Trinidad e Tobago, ultima in classifica del girone finale di qualificazione. Gli Usa perdono invece 2-1 e sono fuori dal Mondiale, a cui partecipano Messico, primo con 21 punti, Costarica, con 16 punti, e Panama, con 13 punti. Quarto l’Honduras, con 13 punti, che parteciperà agli spareggi contro l’Australia, mentre gli USA, con 12 punti, e Trinidad e Tobago, con 6 punti, sono fuori.

In Asia dai gironi si erano già qualificate le prime e le seconde: Iran, Giappone, Corea del Sud e Arabia Saudita, mentre le terze, Australia e Siria, hanno effettuato un doppio incontro per partecipare allo spareggio di novembre con l’Honduras: l’Australia ha vinto ieri per 2-1 contro la Siria dopo l’1-1- dell’andata ed ha ottenuto l’accesso allo spareggio.

In Africa c’è ancora molto da decidere nell’ultimo turno di novembre: hanno ottenuto l’accesso ai Mondiali l’Egitto e la Nigeria, mentre negli altri gironi sono in testa, per ora, Tunisia, Marocco e Senegal.  In Oceania la Nuova Zelanda ha vinto il raggeruppamento oceanico, guadagnandosi lo spareggio con il Perù.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - La giornata di ieri, con la notte annessa, ha segnato momenti di grande emozione e pathos in vari continenti per la qualificazione ai Mondiali di Russia 2018: l'Argentina segna il passaggio del turno in extremis come la Colombia, mentre il Paraguay si mette fuori con le proprie mani, proprio come gli USA in Nord e Centro America. Panama conquista una storica qualificazione. In Europa il Portogallo ottiene il passaggio diretto in Russia, mentre non ci sarà l'Olanda. Per gli ultimi verdetti, compreso quello dell'Italia, tutto è rimandato a novembre.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!