Iscriviti

Champions League, il Napoli pareggia con il Genk ma mantiene il primo posto in classifica

Il Napoli non va oltre lo 0-0 alla 'Luminus Arena' di Genk nella sfida valevole per la seconda giornata dei gironi di Champions. Gli azzurri possono recriminare le tante occasioni sprecate dal reparto offensivo.

Calcio
Pubblicato il 3 ottobre 2019, alle ore 10:26

Mi piace
2
0
Champions League, il Napoli pareggia con il Genk ma mantiene il primo posto in classifica

Termina a reti inviolate la seconda partita del Napoli, impegnato ieri contro il Genk, nel girone eliminatorio di Champions League. Pareggio deludente per gli uomini di Ancelotti, il quale, con Lorenzo Insigne e Ghoulam in tribuna, ha deciso di schierare per la prima volta in questa stagione il tandem offensivo formato da Lozano e Arkadiusz Milik. E’ proprio l’attaccante polacco che, nel match delle 18:55, non riesce ad incidere e a finalizzare le numerose occasioni create dal Napoli.

Gli azzurri, schierati con un 4-4-2 di partenza, sono riusciti a distendersi facilmente nella prima parte del match con Callejon, che al 15′ minuto ha colpito il palo dopo un ottimo assist di Mario Rui, ma sugli sviluppi dell’azione è stato Milik a sprecare, colpendo la traversa. Al 25′ minuto arriva un’altra palla-gol per l’attaccante polacco, il quale su un preciso assist di Callejon, spreca nuovamente copendo la traversa. Il tris delle occasioni sprecate per gli azzurri è arrivato grazie ad una conclusione di Koulibaly dentro l’area di rigore che però è stata respinta da Hrosovsky sulla linea della porta.

Con il passare dei minuti il Napoli ha fatto fatica ad organizzare il gioco e a togliere l’iniziativa al Genk che, al contrario, è riuscito a spingere a a mettere in difficoltà la difesa napoletana quando, sul finire del primo tempo, il tiro del centrocampista norvegese Berge ha chiamato Meret a compiere una prodezza. Nel secondo tempo, Ancelotti ha dato l’ok per l’ingresso in campo di uno dei calciatori azzurri più in forma in questa prima parte di stagione: Dries Mertens. Il belga però non è riuscito a cambiare le sorti del match, con un Napoli votato sempre più all’attacco e un Genk rinchiuso nella propria metà campo.

Lozano apparso avulso dalla manovra del Napoli

La squadra belga nella ripresa non è stata più in grado di rendersi pericolosa, tranne che in un’occasione in cui il brasiliano Allan ha compiuto un errore clamoroso, non mandando per poco in rete l’attaccante del Genk, Samatta. Nullo per un’ora buona invece Hirving Lozano: l’attaccante messicano si è illuminato solo nel finale quando Ancelotti lo ha piazzato ala sinistra, nel suo ruolo naturale. Al termine del match l’allenatore del Napoli, Carlo Ancelotti è rimasto comunque soddisfatto dopo il pareggio: “E’ stata una buona partita, siamo stati poco efficaci e un po’ sfortunati”.

Solo un punto, quindi, per gli azzurri nella trasferta in Belgio che porta comunque in vetta a quota 4 punti la squadra di Ancelotti nel Gruppo E di Champions. Primo punto invece per il Genk, sconfitto nel primo turno per 6-2 dal Salisburgo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Danilo Grimaldi

Danilo Grimaldi - Il Genk è sicuramente una squadra meno attrezzata del Napoli. Gli azzurri devono migliorare nella fase di finalizzazione e concedere meno occasioni a squadre non di primissima fascia. Commettere passi falsi come quelli contro il Cagliari e il Genk non danno sicuramente morale alla squadra che dovrà essere più cinica a partire già dal prossimo match non facile contro il Torino.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!