Iscriviti

Calciomercato, le promesse non mantenute

Il 31 Gennaio alle ore 23 è terminato il calciomercato invernale e in Serie A ci sono molte delusioni per i mancati acquisti da parte delle squadre di alta classifica.

Calcio
Pubblicato il 1 febbraio 2018, alle ore 23:14

Mi piace
5
0
Calciomercato, le promesse non mantenute

A quanto pare, questa sessione di mercato invernale è stata tra le più deludenti degli ultimi anni. Inter, Napoli, Juve e Roma hanno avuto l’occasione per rafforzarsi in vista della sfida scudetto e non l’hanno fatto. I tifosi rimasti maggiormente delusi sono stati quelli di Roma, Inter e Napoli.

Monchi (dirigente della Romaha venduto Palmieri, Moreno e Castan e dopo un po’ di giorni passati sulla “telenovela Dzeko”, che doveva andare a Londra sponda Chelsea, la trattativa poi è saltata, purtroppo per la Roma che avrebbe potuto incassare un po’ di soldi per un attaccante ormai 32 enne. Un acquisto è stato fatto: un certo Jonathan Silva, e Monchi si definisce soddisfatto per questo mercato.

Per quanto riguarda l’Inter, invece, erano giorni che si parlava della trattativa di Pastore del Psg; il giocatore in un’intervista aveva lasciato dichiarazioni su un possibile ritorno in Italia, si trattava anche Ramires del Sunning, ma entrambe le operazioni non sono mai decollate. La dirigenza nerazzurra è riuscita però a vendere Joao Mario al West Ham e a mandare in prestito Nagatomo al Galatasaray.

Delofeu era conteso tra Inter e Napoli ma poi alla fine è andato al Wolfsburg; il Napoli ha ‘duellato’ anche con la Juventus per Matteo Politano del Sassuolo, trasferimento poi sfumato nelle ultime ore; per non parlare di Simone Verdi che ha preferito rifiutare i partenopei per crescere di più con il Bologna.

Magari tra queste squadre la più giustificata è la Juventus che ha una rosa ampia, ma le altre avevano il dovere di rinforzarsi per la lotta-scudetto.

La Lazio ha dimostrato più volontà andando a prendere Caceres dal Verona facendo così un buon acquisto per la difesa.

I colpi veri si fanno all’estero: il Barcellona ha speso 160 milioni per strappare Coutinho al Liverpool, con i Reds che ne hanno versati 85 nelle casse del Southampton per assicurarsi il difensore Virgil Van Dijk; Aymeric Laporte è passato dall’Athletic Bilbao al Manchester City per 65 milioni, mentre l’Arsenal ha tesserato Pierre-Emerick Aubameyang per 63 milioni. In Italia, invece, gli affari si muovono ancora a velocità molto ridotta.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Ivan Laurentino

Ivan Laurentino - Togliendo la Juventus che non aveva granchè bisogno, il Napoli però doveva assolutamente rinforzarsi perché ha la 'coperta corta' in panchina. Se i titolari hanno un crollo fisico o subiscono un infortunio, la colpa di chi è? Non si possono perdere giorni inutilmente ad inseguire giocatori/squadre; se l Napoli non è riuscito a concludere una trattativa la colpa è dovuta principalmente alla dirigenza.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!