Iscriviti

NBA Playoffs 2020: mega Doncic decide il supplementare dei Mavericks sui Clippers, i Jazz battono i Nuggets

Un Doncic fenomenale decide allo scadere il supplementare dei Mavericks sui Clippers. I Jazz battono i Nuggets nella sfida tra Mitchell e Murray, Boston e Toronto passano il turno.

Basket
Pubblicato il 24 agosto 2020, alle ore 13:02

Mi piace
6
0
NBA Playoffs 2020: mega Doncic decide il supplementare dei Mavericks sui Clippers, i Jazz battono i Nuggets

Nella notte degli NBA Playoffs 2020 di domenica 23 agosto si sono giocate quattro gare del primo turno.
I Dallas Mavericks sconfiggono al supplementare i Los Angeles Clippers per 135-133: è un mega Luka Doncic a firmare la vittoria con una tripla sullo scadere, varcando di nuovo ogni normale tabellino statistico e giocando come uno dei più forti della intera NBA. I Clippers hanno dato l’impressione di ribaltare la gara nel tempo addizionale, ma la tripla dello sloveno ha distrutto i loro piani.

La serie è in parità sul 2-2. Per i Mavericks, Luka Doncic trionfa con una tripla doppia da 43 punti, 17 rimbalzi e 13 assist, Trey Burke fissa 25 punti e 5 rimbalzi. Nei Clippers, Lou Williams trova dalla panchina 36 punti, 5 assist e 4 rimbalzi, Kawhi Leonard concentra 32 punti, 9 rimbalzi e 4 assist.

Gli Utah Jazz sconfiggono di misura i Denver Nuggets per 129-127. La gara, più che altro, si è vissuta sulla sfida personale tra Donovan Mitchell e Jamal Murray, dato che entrambi hanno varcato i 50 punti realizzati, ma la posta in palio va a Utah, più in forma e concentrata dei propri avversari, ancora sofferenti negli uno contro uno. I Jazz raggiungono il 3-1 nella serie.

Per Utah, Donovan Mitchell gioca in maniera impressionante con 51 punti, 7 assist e 4 rimbalzi, Mike Conley conclude 26 punti e 4 assist; per Denver, Jamal Murray è eroico con 50 punti, 11 rimbalzi e 7 assist, Nikola Jokic dona 29 punti, 7 rimbalzi e 6 assist.

I Boston Celtics fermano i Philadelphia 76ers per 110-106; il primo tempo è ricco di emozioni e molto equilibrato, con un finale impossibile da pronosticare. La ripresa parte con le stesse premesse, fino a quando Boston alza piano piano l’asticella, mettendo in difficoltà Philadelphia e conquistando la vittoria del 4-0 nella serie, che vale il passaggio del turno.

Per Boston, Kemba Walker accumula 32 punti, 4 assist e 4 rimbalzi, Jayson Tatum assembla 28 punti, 15 rimbalzi e 4 assist. Per Philadelphia, la cui stagione da favorita alla partenza si conclude al primo turno e senza alcuna vittoria nella postseason, Joel Embiid recita 30 punti e 10 rimbalzi, Tobias Harris rifinisce 20 punti e 5 rimbalzi.

I Toronto Raptors sbranano i Brooklyn Nets per 150-122: centocinquanta punti sono difficili da rifilare in una gara di regular season, ancor più in una gara combattuta dei playoff, ma Toronto ci riesce giocando lo stesso grande basket che lo scorso anno l’ha portata al titolo. Brooklyn finisce al tappeto molto presto e la sua stagione si conclude qui, con premesse sicuramente migliori, mancate specie per i troppi infortuni: l’anno prossimo, con Durant ed Irving, tutto potrebbe risultare diverso.

Toronto vince la serie per 4-0 ed incontrerà i Boston Celtics nelle semifinali di conference; per i Raptors, Serge Ibaka dalla panchina rifila 27 punti e 15 rimbalzi, Norman Powell parte da riserva e totalizza 29 punti e 5 rimbalzi. Per Brooklyn, Caris LeVert regala ai suoi 35 punti, 6 assist e 6 rimbalzi, Tyler Johnson acquisisce 13 punti e 3 rimbalzi.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Luka Doncic, ad ogni passo successivo nella sua scalata alla postseason, varca ogni genere di record e di prestazione sensazionale. In questo caso lo sloveno ha pure firmato il successo al supplementare sui Clippers, che altrimenti avrebbero fatto virare la serie a loro favore. Doncic è già uno dei cinque più forti di questo campionato al suo secondo anno, uno status raggiunto a questo punto della carriera solo da veri fenomeni come Chamberlain, Jordan, Bryant e James. Per questo Luka è destinato a diventare leggendario, perché c'è ancora spazio addirittura per migliorare, incredibilmente.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!