Iscriviti

NBA Playoffs 2019, 30 aprile 2019: i Bucks tornano a splendere, i Warriors si ripetono nella vittoria

I Milwaukee Bucks, da dominati, diventano dominatori e spazzano via i Boston Celtics. I Golden State Warriors si ripetono con un'altra grande partita e superano gli Houston Rockets.

Basket
Pubblicato il 1 maggio 2019, alle ore 13:27

Mi piace
11
0
NBA Playoffs 2019, 30 aprile 2019: i Bucks tornano a splendere, i Warriors si ripetono nella vittoria

Nella notte degli NBA Playoffs 2019 di martedì 30 aprile 2019 si sono disputate due sfide.
I Milwaukee Bucks spazzano via i Boston Celtics per 123-102. Primo e secondo quarto sono assolutamente alla pari, rispetto a gara 1 c’è tanta animosità ed un equilibrio che non si spezza mai, fornendo un gioco divertente e che regala suspence. Milwaukee riesce comunque a strappare un minimo di vantaggio nell’ultimo minuto prima dell’intervallo, arrivando sul 59-55.

Rientrate dagli spogliatoi, le squadre si presentano in modo molto diverso: Milwaukee è aggressiva ed estremamente efficace nelle percentuali nel tiro dal campo, i Celtics paiono sorpresi: un nettissimo 39-18 nei dodici minuti porta lo scarto tra le due squadre a +25 per i Bucks, per cui nel quarto periodo non c’è più gara e la squadra del Wisconsin si accomoda all’incasso, pareggiando la serie per 1-1.

Per Milwaukee prova di alto livello per Giannis Antetokounmpo, che realizza 29 punti, 10 rimbalzi e 4 assist, Khris Middleton, giocando da guardia, si prende un bottino da 28 punti e 7 rimbalzi. Nei Celtics prova sottotono di tutti coloro scesi in campo, fa specie osservare un Kyrie Irving molto negativo, che non supera nemmeno i dieci punti e che ha fatto fatica a trovare giocate per i propri compagni.

I Golden State Warriors superano gli Houston Rockets per 115-109. I Warriors vogliono ripetere la convincente prestazione della prima sfida contro i rossi texani e, a tutti gli effetti, cominciano bene, conquistando dapprima un +9 dopo i primi dodici minuti, mantenendo lo stesso distacco nello spettacolare secondo parziale, con tanta produttività a canestro da entrambi i lati del campo.

I Rockets tentano di giocarsi le loro possibilità di vittoria nel terzo quarto, ma il cammino verso la vittoria si rivela molto più complesso, l’attacco funziona bene, ma il contenimento dell’attacco dei guerrieri non dà nessun frutto, come nel periodo conclusivo della partita; Golden State non concede mai il sorpasso, vince la partita e si porta sul 2-0 nella serie, prima delle prossime due gare da giocare a Houston.

Tocca di nuovo a Kevin Durant firmare il successo per la sua squadra, marcando per i guerrieri 29 punti, 5 rimbalzi e 4 asssit, mentre per Klay Thompson ci sono 21 punti e 5 rimbalzi. Per James Harden si affina un totale di 29 punti, 7 rimbalzi e 4 assist per i razzi, mentre Chris Paul porta a referto 18 punti, 7 rimbalzi e 6 assist.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - I Bucks, come prevedevo, hanno messo i paletti giusti al gioco dei Celtics ed hanno strapazzato gli avversari in gara 2, fornendo un nuovo quintetto base con Middleton in posto 2 e Mirotic in posto 3, lasciando fuori Brown, comunque autore sempre di discrete prove al posto dell'infortunato Brogdon. Le prossime due gare a Boston potranno offrire le vere chiavi di lettura sul finale della serie. Golden State, come in gara 1, non stravince ma convince, punto più essenziale rispetto a dilagare contro avversari più deboli; i Rockets sono fortissimi, ma non abbastanza per piegare in campioni in carica.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!