Iscriviti

NBA Playoffs 2019, 13 aprile 2019: sera delle sorprese, non per i Warriors, ok contro i Clippers

I Golden State Warriors superano i Los Angeles Clippers e sono l'unica squadra della sera a vincere gara 1 in casa. Si impongono in trasferta invece i Brooklyn Nets, i San Antonio Spurs e gli Orlando Magic.

Basket
Pubblicato il 15 aprile 2019, alle ore 10:06

Mi piace
14
0
NBA Playoffs 2019, 13 aprile 2019: sera delle sorprese, non per i Warriors, ok contro i Clippers

Nella notte degli NBA Playoffs di sabato 13 aprile 2019 si sono giocate quattro partite.
I Golden State Warriors vincono sui Los Angeles Clippers per 121-104: i Warriors partono con il piede giusto, siglano il vantaggio di nove punti alla fine del primo quarto, successivamente i Clippers recuperano, ma il ritorno dei padroni di casa è veemente, conducendo di tredici punti. Il secondo tempo è tutto di marca dei gialloblu, che dimostrano la loro superiorirà sui losangelini.

Stephen Curry gioca una partita strepitosa, marcando un totale di 38 punti, 15 rimbalzi e 7 assist, diventando il numero uno della storia dei playoff come triple segnate; Kevin Durant mette insieme un totale di 23 punti, 4 rimbalzi e 3 assist. Nei Clippers i migliori vengono dalla panchina: Montrezi Harrell firma 26 punti e 5 rimbalzi, Lou Williams si prende 25 punti, 9 assist e 3 rimbalzi.

I Brooklyn Nets vincono in casa dei Philadelphia 76ers per 111-102. Il primo quarto è combattuto e si conclude con un bel vantaggio di Brooklyn, che tenta di ampliare il distacco nel secondo quarto, per essere però poi rimontati quasi totalmente dai Sixers poco dopo la metà della partita. I Nets sono però più forti ed in forma in serata e si prendono a sorpresa gara 1, con Philadelphia che ha tre dei titolari (Simmons, Redick ed Harris) quasi fuori partita.

Nei Brooklyn Nets buona parte del merito del successo va a D’Angelo Russell che ottiene un totale di 26 punti, 4 assist e 3 rimbalzi e Caris LeVert, dalla panchina, centra 23 punti, 4 rimbalzi e 3 assist. Per i Sixers Jimmy Butler mette insieme 36 punti e 9 rimbalzi, Joel Embiid fa suoi 22 punti, 15 rimbalzi e 4 assist. 

I San Antonio Spurs si prendono sul campo dei Denver Nuggets per 101-96: tutta la gara è sul filo dell’equilibrio e gli Spurs hanno un leggero predomino, Denver nel finale si ritrova a poter tentare la tripla del pareggio, però Derrick White ruba palla evitando la conclusione ed arriva il successo dei neri texani, che mettono in luce DeMar DeRozan con 18 punti, 12 rimbalzi e 6 assist; nei Nuggets Nikola Jokic marca 10 punti, 14 rimbalzi e 14 assist.

Gli Orlando Magic si impongono sul parquet dei Toronto Raptors per 104-101: una partita combattuta, viva ed imprevedibile arriva sulla parità nei secondi conclusivi. Il playmaker dei Magic, DJ Augustin, si prende la responsabilità di provare la conclusione della vittoria e la centra, dando ai Magic un inatteso vantaggio nella serie. E’ proprio DJ Augustin il migliore di Orlando con 25 punti e 6 assist, mentre per i Raptrors sconfitti in modo sorprendente, Kawhi Leonard segna 25 punti, 6 rimbalzi e 3 assist.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Le sorprese sono già copiose all'inizio di questi playoff, con i soliti, forti Warriors a fare da eccezione. Devo dire che, mentre Spurs e Nets hanno ottenuto il successo sorprendendomi in modo solo parziale, i Magic invece hanno messo in atto una sorpresa incredibile, vincendo contro quel solido team di Toronto che, teoricamente, non doveva avere molti problemi contro una delle formazioni meno forti di questa postseason: La brillantezza, l'entusiasmo e tanta dose di bravura da parte di DJ Augustin hanno permesso il ribaltamento dei pronostici. Per proseguire nel magico sogno, però, Orlando dovrà dimostrare di possedere anche esperienza e rendimento costante, doti che forse non le sono proprie. Ancora un ma: l'ulteriore sorpresa incantata dei Magic può essere dietro l'angolo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!