Iscriviti

NBA, 8 marzo 2019: i Warriors comandano ad Ovest con il successo sui Nuggets. Tutti gli incontri

La vittoria dei Golden State Warriors sui Denver Nuggets determina la leaderrship dei guerrieri nella Western Conference. I Rockets sconfiggono i 76ers, i Clippers battono i Thunder.

Basket
Pubblicato il 9 marzo 2019, alle ore 14:43

Mi piace
10
0
NBA, 8 marzo 2019: i Warriors comandano ad Ovest con il successo sui Nuggets. Tutti gli incontri

Nella notte della NBA di venerdì 8 marzo 2019 si sono giocate nove partite.
I Golden State Warriors vincono sui Denver Nuggets per 122-105. Lo scontro diretto per la leadership della Western Conference viene vinto dai guerrieri con una condotta di gara ineccepibile nel secondo tempo della sfida, dove il potenziale di attacco spaventoso a loro disposizione è stato servito ai Nuggets, costretti ad arrendersi di fronte a tanta potenza. Nei Warriors spiccano i numeri di Klay Thompson, autore di 39 punti, 4 assist e 3 rimbalzi, tra i giocatori di Denver nessuno si distingue in una gara scialba specialmente nelle statistiche offensive.

Gli Houston Rockets battono i Philadelphia 76ers con il punteggio di 107-91: fin dai primi minuti i Rockets prendono un margine molto importante, che rimane costante dall’inizio del secondo quarto fino al termine, senza che i 76ers possano mai rimontare e trovare un filotto di canestri decisivo. James Harden centra un’altra prestazione di rilievo, con 31 punti, 10 rimbalzi e 7 assist, che portano Houston al terzo posto ad Ovest, per Philadelphia si mette in luce solo Tobias Harris, con 22 punti e 9 rimbalzi, con la squadra che rischia di divenire quinta ad Est.

I Los Angeles Clippers superano gli Oklahoma City Thunder per 118-110: i Clippers sono in un momento magico e ne approfittano per sconfiggere dei Thunder in forte flessione, anche se la vittoria si materializza solo negli ultimi minuti, con protagonisti Danilo Gallinari, autore di 34 punti, ed il solito Lou Williams, che partendo dalla panchina diventa inarrestabile con 40 punti, 7 rimbalzi e 5 assist: quarta vittoria consecutiva per i velieri di Los Angeles, solo tre vittorie nelle ultime dieci gare disputate per i tuoni, con Russell Westbrook che si prende 32 punti, 8 rimbalzi e 7 assist.

NBA, le altre gare

I Toronto Raptors vincono fuori casa sui New Orleans Pelicans per 127-104: primo tempo equilibrato, i Pelicans ci sono per la vittoria, poi i Raptors mostano i loro migliori numeri statistici e vincono con tranquillità, sempre aggrappati alla speranza di prendersi il primo posto assoluto della classifica; Kawhi Leonard marca canestri con continuità ed accumula 31 punti, New Orleans rallenta con la seconda sconfitta di fila.

I Detroit Pistons vincono sul campo dei Chicago Bulls per 112-104, dopo essere stati in svantaggio per 21 punti a metà della sfida: la rimonta rende giustizia al momento d’oro dei pistoni, da una posizione di classifica pericolante, ora al sesto posto e tranquilli in zona postseason: quarta vittoria consecutiva con protagonista Andre Drummond, realizzatore di 20 punti e 24 rimbalzi, nei Bulls Zach Lavine imprime 24 punti e 6 rimbalzi.

I Memphis Grizzlies sconfiggono gli Utah Jazz per 114-104. La squadra di Salt Lake City si trova impreparata per affrontare una difesa tornata difficilmente varcabile come quella dei Grizzlies, che sono sì praticamente ormai fuori dai playoff, ma tornati a praticare il loro miglior basket dopo tre mesi di crisi totale. Per gli orsi del Tennessee Mike Conley fa suoi 28 punti, 11 rimbalzi e 3 assist, Donovan Mitchell domina nei Jazz con 38 punti, 5 assist e 4 rimbalzi.

Gli Orlando Magic domano i Dallas Mavericks per 111-106: il finale un po’ affannoso di Orlando non pregiudica, per sua fortuna, il successo che avevano praticamente conquistato con una gara precisa e senza sbavature per 42 minuti di partita. Nikola Vucevic dà ai magici un totale di 20 punti, 13 rimbalzi e 6 assist, nei maverick il fenomenale Luka Doncic marca 24 punti, 8 rimbalzi e 5 assist.

I Charlotte Hornets sfilano la vittoria ai Washington Wizards per 112-111, nella partita incerta fino all’ultimo secondo, con Charlotte che trattiene una partita nelle sue mani che era uno scontro diretto per la zona playoff a tutti gli effetti, ad una sola vittoria dagli Heat, ottavi ad Est. Marvin Williams primeggia nei calabroni con 30 punti e 7 rimbalzi, nei Wizards Bobby Portis sigla 23 punti, 9 rimbalzi e 3 assist.

I Miami Heat strapazzano i Cleveland Cavaliers per 126-110, ma per tutto il primo tempo ed oltre i cavalieri hanno conteso il successo a quelli caldi della Florida, solo in quel momento comincia la scalata all’affermazione degli Heat, che dimostrano la superiorità sulla squadra dell’Ohio. Miami è ottava ad Est con Josh Richardson che ottiene 20 punti e 5 assist, nei Cavaliers Collin Sexton acchiappa 27 punti e 6 assist.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Lo scontro diretto tra Golden State e Denver per la prima posizione nella Western Conference premia i Warriors, che nella sfida hanno messo in mostra tutto l'arsenale offensivo a loro disposizione che, quando entra in azione, diventa fatale per gli avversari. Non è ancora giunto il momento per la sentenza definitiva per la prima piazza ad Est, certo che i Warriors hanno ricordato a tutti, specie ai loro avversari diretti, chi sono. Ottima striscia anche per Houston: se qualcuno mette in dubbio il loro attuale tabellino da 40 vinte e 25 perse, che vale il terzo posto ad Est, va ricordato che i razzi texani, dopo 25 partite, avevano 11 vittorie e 14 sconfitte ed erano penultimi nella conference. Nelle ultime quaranta partite, in cui Harden si è scatenato, la squadra ha portato a casa 29 successi e 11 sconfitte, sostanzialmente il passo che hanno Warriors e Nuggets; Harden e compagni saranno un terzo incomodo nei playoff molto spinoso.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!