Iscriviti

NBA, 8 febbraio 2021: i Bucks spazzano via in trasferta i Nuggets, i Lakers regolano i Thunder

Milwuakee prosegue nella rincorsa alla vetta dell'Est spazzando via fuori casa i Denver Nuggets. I Los Angeles Lakers prevalgono al supplementare sugli Oklahoma City Thunder.

Basket
Pubblicato il 9 febbraio 2021, alle ore 12:19

Mi piace
8
0
NBA, 8 febbraio 2021: i Bucks spazzano via in trasferta i Nuggets, i Lakers regolano i Thunder

Nella notte della NBA di lunedì 8 febbraio 2021 si sono giocate otto partite.
I Milwaukee Bucks spazzano via in trasferta i Denver Nuggets per 125-112: l’atteggiamento dei Bucks è quello giusto, difendere bene contro le tante soluzioni offensive dei Nuggets, per partire dal terzo quarto ad aumentare le percentuali a canestro e prevalere, guadagnando altri punti nella classifica ad Est. Per Milwaukee, Khris Middleton realizza 29 punti, 12 assist e 8 rimbalzi, per Denver, Nikola Jokic compone 35 punti, 12 rimbalzi e 6 assist.

I Los Angeles Lakers battono al supplementare gli Oklahoma City Thunder per 119-112 con la partita che sembrava negli ultimi secondi a favore dei lacustri, ma un fallo sulla tripla della disperazione di Gilgeous-Alexander vale tre liberi marcati dai Thunder; nel supplementare i Lakers sono più forti e fanno valere la loro grande esperienza. Per i giallo-viola, LeBron James domina in tripla doppia con 28 punti, 14 rimbalzi e 12 assist, per i Thunder, Shai Gilgeous-Alexander si prende 29 punti, 10 assist e 7 rimbalzi.

NBA: le altre partite

I San Antonio Spurs piegano i Golden State Warriors per 105-100 nella riprova che gli speroni texani fanno sul serio, stanno riscattando la stagione scorsa negativa e firmano il quattordicesimo successo stagionale, mentre gli Warriors arretrano in graduatoria. Per gli Spurs, Dejounte Murray addiziona 27 punti, 10 rimbalzi e 4 assist, per Golden State c’è Stephen Curry con 32 punti, 7 rimbalzi e 6 assist.

I Phoenix Suns fermano i Cleveland Cavaliers per 119-113 con Booker che, dopo l’infortunio, sta giocando partite in crescendo di prestazioni e questa volta fa seriamente la differenza, contro dei Cavaliers in nettissimo calo dopo l’avvio sorprendente. Per Phoenix, Devin Booker marca 36 punti, 8 assist e 5 rimbalzi, per i Cavaliers, Andre Drummond trova 15 punti e 14 rimbalzi.

I Charlotte Hornets distruggono gli Houston Rockets con il punteggio di 119-94 schiacciando gli opponenti nel quarto periodo, superiore in tutto e per tutto alla fiacca prova dei Rockets, che sono rimasti di sasso di fronte all’inatteso strapotere degli avversari. Per gli Hornets, LaMelo Ball trattiene 24 punti, 10 assist e 7 rimbalzi, per i Rockets, Victor Oladipo dona 21 punti, 7 rimbalzi e 6 assist.

I Toronto Raptors prevalgono in trasferta sui Memphis Grizzlies per 128-113 per una gara molto coinvolgente, dove il terzo quarto è affare dei Grizzlies, fino alla rimonta devastante messa in atto dai Raptors nel quarto periodo, che li premia con una vittoria netta. Per i velociraptor, Fred VanVleet mette nel sacco 32 punti, 9 assist e 3 rimbalzi, per Memphis, Jonas Valanciunas incassa 27 punti, 20 rimbalzi e 3 assist.

I Dallas Mavericks sconfiggono i Minnesota Timberwolves per 127-122: con una gara molto spostata verso il canestro e meno preparata in difesa, Dallas riesce a far fuori l’ultima in classifica ad Ovest solamente nel finale e con tanto impegno, segno che la migliore versione dei Mavs è ancora lontana. Per Dallas, Kristaps Porzingis somma 27 punti, 13 rimbalzi e 4 assist, per i Timberwolves, Mailk Beasley riunisce 30 punti, 9 rimbalzi e 6 assist.

I Washington Wizards battono fuori casa i Chicago Bulls per 105-101 spuntandola proprio negli ultimi istanti della partita, allontanandosi dall’ultima posizione assoluta e, se mai ce ne fosse bisogno, dimostrare di nuovo tutto il talento di Bradley Beal, che spacca con 35 punti, 7 assist e 5 rimbalzi; per i Bulls, Zach LaVine ingloba 35 punti e 6 assist.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Milwaukee viaggia bene nelle ultime partite, si sta portando sempre di più presso la vetta della Eastern Conference, difesa dai Philadelphia 76ers, provando a scardinare il meccanismo del gruppo della Pennsylvania e tornando nella posizione degli ultimi due anni, fatta fruttare poi malamente nei playoff, con i nuovi acquisti che proveranno a colmare i vuoti della postseason. Denver rimane quest'anno troppo altalenante nei risultati e nel gioco, ciò che è stato mostrato finora è buono ma non esaltante e queste prestazioni non potranno rendere ciò che è valsa negli scorsi playoff la finale di conference persa contro i Lakers.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!