Iscriviti

NBA, 7 gennaio 2020: i Trail Blazers vincono all’ultimo contro i Raptors, i Thunder folgorano al supplementare i Nets

I Portland Trail Blazers riaprono la caccia ai playoff battendo fuori casa nel finale i Toronto Raptors. Gli Oklahoma City Thunder vincono al supplementare in casa dei Nets, decisivo Chris Paul.

Basket
Pubblicato il 9 gennaio 2020, alle ore 09:54

Mi piace
9
0
NBA, 7 gennaio 2020: i Trail Blazers vincono all’ultimo contro i Raptors, i Thunder folgorano al supplementare i Nets

Nella notte della NBA di marted’ 7 gennaio 2020 si sono giocati sei incontri:
I Portland Trail Blazers passano in casa dei Toronto Raptors per 101-99 trovando solo nell’ultimo minuto il vantaggio, mai conquistato nel resto dell’incontro; Toronto rimane scioccata e viene piegata in modo del tutto inaspettato. Per i Trail Blazers, in corsa per i playoff, Carmelo Anthony fa suoi 28 punti e 7 rimbalzi, per Toronto Kyle Lowry acquisisce 24 punti, 10 assist e 4 rimbalzi.

Gli Oklahoma City Thunder vincono al supplementare e fuori casa contro i Brooklyn Nets per 111-103, con grande protagonista Chris Paul, che a pochi secondi dalla fine del tempo regolamentare piazza la realizzazione del pareggio, nel supplementare è assoluto primo attore e riporta subito i Thunder a correre, con un totale di 28 punti, 6 rimbalzi e 3 assist. Per i Nets Taurean Prince marca 21 punti e 8 rimbalzi.

I Los Angeles Lakers dilagano contro i New York Knicks per 117-87: la differenza tra la prima ad Ovest e la terzultima ad Est è molto chiara, ci vuole poco affinché i losangelini prendano il largo e controllino l’incontro come meglio vogliano; tutto bene, tranne l’infortunio ancora da valutare di Anthony Davis. Nei Lakers LeBron  James concentra 31 punti, 5 assist e 5 rimbalzi, nei newyorkesi RJ Barrett circoscrive 19 punti e 5 rimbalzi.

I Memphis Grizzlies sconfiggono i Minnesota Timberwolves per 119-112: la terza affermazione consecutiva dei Grizzlies, sofferta perché acquisita dopo un relativo dominio di Minnesota, permette agli blu-azzurri di arrivare ad un passo dall’ottavo posto ad Ovest, che varrebbe la prossima postseason. Per gli orsi del Tennessee Ja Morant arrotonda 25 punti, 7 assist e 4 rimbalzi, per i lupi invernali Jarrett Culver imprime 24 punti e 5 rimbalzi.

I Sacramento Kings comandano in casa dei Phoenix Suns per 114-103: secondo tempo esaltante, con i Phoenix Suns che toccano i ventuno punti di massimo vantaggio, fatto che non impaurisce i temerari Kings, che in diciotto minuti ottengono un chiarissimo +32 di margine che porta al punteggio finale, ad una vittoria ricca di significati e ad un De’Aaron Fox da 27 punti, 6 assist e 4 rimbalzi. Nei Suns Devin Booker presenta 34 punti, 7 assist e 4 rimbalzi.

I Detroit Pistons sconfiggono fuori casa nel finale i Cleveland Cavaliers per 115-113: Cleveland, praticamente conducendo dai primi minuti fino ad un giro di lancette dalla fine, finisce per perdere una sfida costruita bene ma controllata malamente, con Detroit che trova i punti deboli avversari e che può festeggiare con Andre Drummond pilastro da 23 punti, 20 rimbalzi e 5 assist. Per Cleveland Kevin Love trattiene 30 punti, 9 rimbalzi e 4 assist.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Le svariate facce del lunghissimo treno che lotta per l'ottavo posto della Western Conference, l'ultimo valido per i playoff; seppur a metà stagione, i primi sette per ora sono piuttosto saldi, il treno invece è condotto per ora dagli San Antonio Spurs tanto esperti quanto un po' appannati, tutt'altro che privi di punti deboli: Molte altre componenti di questo convoglio hanno giocato stanotte: i Memphis Grizzlies, i più in forma in queste settimane, giovani e carichi, che peccano di inesperienza; i Sacramento Kings, con un anno di maturità in più sulle spalle, potenzialmente tra i più ricchi di risorse ma molto incostanti; i Portland Trail Blazers, che del gruppo sono senza dubbio i migliori, vedi finale di conference dello scorso anno, ma partiti molto male ed ora in risalita; i Minnesota Timberwolves, al contrario partiti alla grande ed ora in flessione, con molti punti interrogativi; i Phoenix Suns, con l'asso di Booker che spesso deve fare tutto da solo; in coda, più distanti, i New Orleans Pelicans ed i Golden State Warriors, con molte meno chance; una situazione molto elaborata.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!