Iscriviti

NBA, 4 marzo 2020: Milwaukee Bucks fortissimi contro gli Indiana Pacers, Miami ferma Orlando

Sono 53 al momento le vittorie stagionali dei Milwaukee Bucks, che mandano ko gli Indiana Pacers. I Miami Heat vincono la disfida della Florida contro gli Orlando Magic.

Basket
Pubblicato il 6 marzo 2020, alle ore 09:32

Mi piace
10
0
NBA, 4 marzo 2020: Milwaukee Bucks fortissimi contro gli Indiana Pacers, Miami ferma Orlando

Nella notte della NBA di mercoledì 4 marzo 2020 si sono giocate nove partite.
I Milwaukee Bucks sottomettono gli Indiana Pacers per 119-100 ritrovando la vittoria dopo la sconfitta di Miami, parte forte Milwaukee, Indiana si fa viva nel secondo quarto ed all’inizio del terzo pareggio; i Bucks non si sconfortano e reagiscono in maniera veemente, trovando il trionfo stagionale numero cinquantatre. Per i cervi Giannis Antetokounmpo insacca 29 punti, 12 assist e 6 rimbalzi, nei Pacers T.J. Warren firma 18 punti e 4 rimbalzi.

I Miami Heat battono gli Orlando Magic per 116-113 nella disfida della Florida; il finale è coinvolgente tanto quanto convulso, Orlando tenta il tutto per tutto per agguantare il supplementare con la tripla di Aaron Gordon che si spegne sul ferro, come le speranze dei suoi di prevalere. Quarta vittoria di fila per gli Heat e Goran Dragic dalla panchina assembra 25 punti e 8 assist, per i Magic Nikola Vucevic riporta 22 punti, 16 rimbalzi e 7 assist.

NBA: le altre partite

I Dallas Mavericks piegano al supplementare i New Orleans Pelicans per 127-123: è una delle gare più incerte di tutta la stagione, sempre in bilico per tutto il secondo tempo, ma anche il supplementare offre spettacolo ed incertezza, con i Mavericks che contano specialmente su Luka Doncic, il fenomeno sloveno che sfoggia una tripla doppia da 30 punti, 17 rimbalzi e 10 assist. Per i pellicani Lonzo Ball totalizza 25 punti, 11 rimbalzi e 6 assist.

I Memphis Grizzlies sbranano i Brooklyn Nets fuori casa per 118-79: Nets lontani parenti della notte precedente contro i Celtics, praticamente fuori dai giochi dopo la metà del secondo quarto, del tutto inesistenti nella ripresa. Memphis può permettersi di gestire totalmente i ritmi di gioco e di controllare senza la minima fatica. Per i Grizzlies Tyus Jones parte come riserva e distende 18 punti, 6 assist e 5 rimbalzi, per Brooklyn tutti nettamente sotto la sufficienza e senza ispirazione.

I Boston Celtics vincono sul campo dei Cleveland Cavaliers per 112-104: Celtics a ranghi ridotti a causa degli infortuni ma non per questo meno squisiti da osservare nella loro interpretazione del basket, tanto che i combattivi Cavs di serata non scappano e negli ultimi minuti i verdi finalizzano il proprio lavoro. Per Boston Jayson Tatum trova 32 punti, 9 rimbalzi e 6 assist, per i Cavaliers Collin Sexton mostra tutto il suo talento con 41 punti, 6 assist e 3 rimbalzi.

Gli Oklahoma City Thunder prevalgono in casa dei Detroit Pistons per 114-107. A metà della sfida la partita era indirizzata tutta a favore dei tuoni dell’Oklahoma, invece i zoppicanti Pistons arrivano al pareggio negli ultimi cinque minuti e fanno tremare gli avversari, che solo con un ultimo minuto di fuoco riescono a passare. Per Oklahoma City Shai Gilgeous-Alexander concentra 27 punti e 3 assist, nei Pistons Christian Wood fissa 29 punti, 9 rimbalzi e 3 assist.

Gli Utah Jazz passano sul parquet dei New York Knicks per 112-104 facendo il proprio dovere contro dei Knicks comunque sufficienti, che non trovano il filotto esatto di canestri per passare in vantaggio. Per i Jazz il quinto posto ad Est rimane per un’altra sera in cassaforte con Donovan Mitchell che è’capace di refertare 23 punti e 8 assist, nei Knicks Julius Randle approva 32 punti e 11 rimbalzi.

I Portland Trail Blazers superano i Washington Wizards per 125-104 facilmente, guadagnando costantemente punti e certezze, portandosi ora al nono posto ad Ovest, a tre vittorie di distanza dai playoff salvaguardati dai Memphis Grizzlies. Per la squadra di Portland Hassan Whiteside affina 24 punti e 16 rimbalzi, per Washington Bradley Beal rifila 29 punti, 9 rimbalzi e 6 assist.

I Minnesota Timberwolves fermano i Chicago Bulls per 115-108 soffrendo nel primo tempo e superando i lupi invernali nel corso della ripresa, giocando bene e trovando due vittorie consecutive che mancavano da molti mesi, in particolar modo dopo il primo mese di gare sfavillante. Per i Timberwolves Mailk Beasley accomoda 24 punti e 3 rimbalzi, Chicago si allontana dai playoff e Coby White prende dalla panchina 26 punti e 6 assist.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Milwaukee e Miami potrebbero incontrarsi nelle semifinali di conference, partendo dalle posizioni attuali della Western Conference con il numero uno ed il numero quarto. Prevedendo la possibile serie, sicuramente non ci troveremo di fronte ad un risultato scontato a favore dei cervi del Wisconsin, non tanto per la sconfitta subita qualche notte fa a Miami, ma per il gioco di contrasto molto netto che Jimmy Butler e soci possono piazzare contro i Bucks; contrasti e duelli interessanti, come tra i lunghi Lopez e Adebayo, tra Antetokounmpo, Middleton contro l'onnipresente Butler, tra i piccoli di riserva, Hill e Dragic, giocatori di grande esperienza. La maggior forza del fenomeno greco e del gioco difensivo dei Bukcs porta comunque tutto a propendere da parte loro il pronostico.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!